Il ritorno in Premier League, all'Aston Villa, e poi la grande paura. Pepe Reina racconta al Corriere dello Sport l'ultimo periodo difficile. "Non esco da diciotto giorni - dice l'ex Napoli e Milan -. La compagnia non mi manca, siamo io, mia moglie Yolanda, cinque figli e i due suoceri. La casa è grande e la solitudine non vi ha accesso. Però isolato lo sono stato dopo aver accusato i primi sintomi del virus. Febbre, tosse secca, un mal di testa che non mi abbandonava mai, quel senso di spossatezza… L’unico spavento quando per venticinque minuti mi è mancato l’ossigeno, come se la gola si fosse improvvisamente ristretta e l’aria non riuscisse a passare... I primi sei, otto giorni li ho trascorsi chiuso in una stanza". 
 
Chi ti aveva diagnosticato il Covid 19? 
"I medici della Premier, mi hanno dato tutte le informazioni necessarie, oltre al protocollo da seguire. Qui in Inghilterra i tamponi li fanno esclusivamente ai malati gravi, nel mio caso non vi erano dubbi. Virus. Il fisico ha reagito bene. Ti dico la verità, a parte qualche momento non facile, è stato come se avessi avuto l’influenza, solo più pesante". 
 
Immagino che ti sia tornata la voglia di giocare? 
"No, non ne ho affatto. Seguo l’evolversi della situazione, mi informo, vediamo". 
 
Stai vivendo un’esperienza professionale a metà, difficile a questo punto completarla. 
"Sono in prestito fino a maggio. Ma quale maggio, forse giugno, luglio, agosto… ero venuto a Birmingham perché avevo bisogno di giocare ogni fine settimana, volevo sentirmi di nuovo protagonista e la sfida che mi aveva proposto l’Aston Villa era l’ideale. Adesso non so più quando, né come finirà. Da queste parti la situazione si è aggravata negli ultimi cinque, sei giorni. Le restrizioni sono minori rispetto a quelle italiane, si può ancora uscire per fare una passeggiata o una corsa nel parco, anche se il Governo ha chiesto a tutti di restare il più possibile a casa". 
 
In Spagna le cose vanno assai peggio. 
"Si sono mossi in ritardo, sono nel dramma, temo che la Spagna supererà l’Italia dal punto di vista dei contagiati e dei morti". 

Sezione: Rassegna / Data: Mar 31 marzo 2020 alle 10:50 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print