"L’ultimo ok deve arrivare dalla Cina, dove Steven Zhang è volato ieri e dove, per motivi di lavoro legati a Suning, resterà fino a quando non riabbraccerà la squadra impegnata nella tournée". Insomma, secondo il Corriere dello Sport, la trattativa per l’arrivo di Nicolò Barella all’Inter dipende dall'ultimo semaforo verde che deve arrivare direttamente dall'Asia. "Però siamo a un passo dalla fumata bianca - si legge -. Lo si era capito già lunedì quando, dopo il primo contatto in Lega tra Giulini e Marotta, le parti (presenti anche i ds Carli e Ausilio) hanno continuato a trattare lontano da occhi indiscreti. Non nella sede di viale della Liberazione, dove viceversa Marotta e Ausilio hanno aggiornato fino alle 23,15 Zhang sullo stato della trattativa. Il presidente ha dato il via libera e mancano da sistemare (e tradurre) i contratti. Un’operazione che richiederà ancora un po’ di pazienza, ma che è considerata poco più di una formalità". 

"Restano da capire gli importi perché, se Marotta e Ausilio vorrebbero pagare 10 milioni per il prestito e 30 per il riscatto tra 12 mesi (più alcuni bonus anche a lungo termine legati alle vittorie e alle presenze di Nicolò), il numero uno rossoblù punta ad avere qualcosa di più subito - evidenzia il quotidiano romano -. Non è semplice che il via libera definitivo arrivi oggi; più facile che slitti a domani, a venerdì o più in là. Barella, dopo l’Europeo Under 21 in vacanza fino al 22, è pronto a tagliarsi le ferie e a volare a Singapore già martedì con la squadra, ma prima deve fare le visite mediche e ottenere il visto per la Cina. È una corsa contro il tempo, ma il traguardo è a un passo". 

VIDEO - I TIFOSI IN RITIRO NON "MOLLANO" NESSUNO: APPLAUSI PER TUTTI, ANCHE PER ICARDI E RADJA

Sezione: Rassegna / Data: Mer 10 Luglio 2019 alle 10:03 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print