Riccardo Ferri, ex difensore dell'Inter, racconta la sua lunga e gloriosa esperienza nerazzurra per 'Inter-Viste', podcast di Radio Nerazzurra dedicato a coloro che hanno vissuto sulla loro pelle i colori della Beneamata. Ferri è stato protagonista dello Scudetto dei record del 1989 conquistato con Giovanni Trapattoni: ma qual è stato l'ingrediente segreto di quell'impresa? "Indubbiamente lo spirito di gruppo, lo spirito che aveva la squadra. Questa mentalità che era riuscita a inculcare l'allenatore e questa società che, pur non avendo i mezzi della Juventus e del Milan, era sempre molto attenta e molto vicina alla squadra nella figura del presidente Ernesto Pellegrini. La nostra era una squadra che reagiva alle difficoltà. E l'ha dimostrato subito, fin dall’inizio della stagione. Io mi ricordo a Piacenza in campo neutro contro la Fiorentina perdemmo con la Fiorentina in Coppa Italia dove giocammo una partita, secondo me, mediocre. Nello spogliatoio Trapattoni ci disse: 'Ragazzi, forse non l’avete capito, noi quest'anno vinciamo il campionato. Siamo una squadra forte. Siamo una squadra che nelle difficoltà cerca di reagire e questa è una caratteristica molto importante'. E così fu. Affrontammo il campionato sbranando ogni partita e cercando di portare a casa il risultato, cercando di far sempre la gara. In quell'anno, per chi magari non lo sapesse, ogni squadra era composta da giocatori di straordinaria qualità perché nel nostro campionato approdavano i migliori giocatori al mondo, in primis Maradona. Poi c'era Zico, Gullit, Van Basten. Dovrei fare una lista immensa di quei campioni. E quindi, anche quando andavi a giocare contro le cosiddette provinciali trovavi fior fiori di campioni. Uno su tutti, Zico all’Udinese. L'insidia era sempre dietro l'angolo".

Ascolta "Riccardo Ferri" su Spreaker.

VIDEO - L'INTER PARTE PER FIRENZE: LA "FINTA" DI HAKIMI ALLA TELECAMERA

Sezione: Radio Nerazzurra / Data: Gio 04 febbraio 2021 alle 15:22
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print