Prima vittoria in terra asiatica per l’Inter di Antonio Conte, che dopo aver perso contro Manchester United e Juventus in ICC, supera il PSG ai calci di rigori in un’amichevole di lusso a Macao. Tanti spunti positivi per l’ex c.t. tra cui il ritorno alla vittoria. Ecco i tre Top & Flop di questa terza ed ultima uscita asiatica dei nerazzurri.

TOP 

Esposito - L’assenza di alternative in avanti lo costringe agli straordinari, ma non sembra sentirne il peso: corre e si muove con continuità per offrire più alternative di passaggio, alternando sponde intelligenti ad una frequente ricerca dell'uno contro uno. Conquista falli a profusione, gli manca solo il gol. 

Bastoni - Buonissima prestazione per il difensore centrale classe 1999. È attento in fase di non possesso, segue le indicazioni di Conte e dei due compagni di reparto più esperti. Non commette sbavature. 

Longo - Entra al 65’ nella prima ondata di cambi fatta da Conte. Tocca pochi palloni, ma si fa trovare pronto. Al 94’ riceve da Gagliardini, trafigge un colpevole Areola e trascina l’Inter ai rigori. 

FLOP

Perisic - Dopo averlo bocciato come esterno a tutta fascia, Conte lo schiera per la seconda partita consecutiva come attaccante. Corre tanto e crea confusione in avanti, ma non è mai incisivo. Ha due grandi occasioni, una per tempo, ma le spreca malamente. 

Barella - Prima da titolare per il centrocampista ex Cagliari. Resta al suo posto, rispetta le direttive allargandosi e accentrandosi in base al giropalla dei suoi compagni. In fase offensiva, cerca di forzare la verticalizzazione e sbaglia tanti palloni. Risente sicuramente dei carichi di lavoro imposti da Conte, appare sottotono. 

Dalbert - Conte non ha alternative e continua a schierarlo come esterno sinistro a tutta fascia. Corre tanto, ma sbaglia davvero molto sia in fase offensiva che in fase difensiva. Appare spaesato. 

Simone Chiocchi

Sezione: Pagelle / Data: Sab 27 Luglio 2019 alle 16:00
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print