"C’è sempre stato qualcosa di non chiaro nella trattativa dell’Inter per Dzeko. Non si discute tre mesi una differenza di 4-5 milioni per un giocatore che è fondamentale. Non si discute per mesi nessun giocatore a cui si tiene davvero, è la tattica migliore per pagarlo di più. Sostituire Dzeko con Sanchez si può, ma significa cambiare l’intero gioco d’attacco". Questo il pensiero di Mario Sconcerti, che intervenuto ai microfoni di Calciomercato.com commenta la scelta dell'Inter di virare dall'attaccante bosniaco della Roma al cileno dello United. "Sanchez è indiscutibile, nonostante il suo anno stanco allo United, il resto però è sempre stato eccellente. Ma è alto 1,68 contro l’1,93 di Dzeko, sono 25 cm che cambiano tutti i riferimenti tattici. Non c'è più con Lukaku quella somma di potenze atletiche che nascondeva qualche lacuna di gioco. Cambiano le responsabilità anche dei giovani centrocampisti dell’Inter: con Sanchez dovranno pensare molto di più". 

Sezione: News / Data: Lun 19 Agosto 2019 alle 14:22
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print