Urbano Cairo, presidente del Torino, intervistato dalla Gazzetta dello Sport manda segnali forti alla Lega Serie A affinché venga rivista la ripartizione dei diritti televisivi: "Nel calcio, l’Italia è l’ esempio di una tendenza negativa: dieci anni fa avevamo una Serie A con un fatturato di poco inferiore alla Premier, oggi siamo stati scavalcati anche da Spagna e Germania. Un primo grande tema è la diversa ripartizione dei diritti tv, che deve essere più equilibrata, magari avvicinandoci all’Inghilterra dove il Leicester ha vinto la Premier potendo contare su oltre cento milioni di sterline dai diritti tv in un campionato in cui la prima ne aveva ricevuti 150-160". 

Cairo ha anche parole pesanti nei confronti dei dirigenti del calcio italiano: "In Lega abbiamo perso dieci anni. In Spagna hanno avuto uno come Javier Tebas a capo della Liga che ha fatto un grande lavoro e ha sviluppato i ricavi dai diritti tv all’estero arrivando a un miliardo. In Italia invece questi diritti si sono sviluppati solo recentemente. Poi Tebas è uno che passa 120 notti in aereo all’anno, da noi i manager forse qualcuna per andare in vacanza. Si deve fare molto di più, andando in giro per il mondo a vendere il nostro prodotto a tutte le tv straniere"

VIDEO - COLOMBIA-CILE, CHE BATTAGLIA: SANCHEZ SI FERMA DOPO UN'ENTRATA DI CUADRADO

Sezione: News / Data: Lun 14 Ottobre 2019 alle 18:46 / Fonte: Calcioefinanza.it
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print