Intervistato da Calciomercato.com, Simone Braglia, ex portiere del Genoa, invita nuovamente alla prudenza nei confronti di Ionut Radu, portiere di scuola Inter attuale numero uno del Grifone: "E' ancora presto per darne una valutazione definitiva. Sento che da più parti lo si considera come un giocatore del grande avvenire. Io ovviamente glielo auguro ma credo anche che sia prematuro dare un giudizio su un giocatore che ha alle spalle 20 presenze in Serie B e una sola stagione da titolare in A, e neanche giocata per intero. Prima di capire l'effettivo valore di un calciatore questo deve aver disputato diverse stagioni ad alti livelli. È un discorso generale, non riferito al solo Radu. Eppure sempre più spesso dopo una manciata di gare e un paio di prodezze ci si fa prendere dall'euforia credendo di essere di fronte ad un nuovo fenomeno. La verità è che a parte Gigio Donnarumma, che comunque è alla quarta stagione da titolare in un club come il Milan, tutti gli altri giovani portieri di A devono ancora dimostrare tutto. Radu compreso".

Braglia comunque approva il mancato rientro all'Inter per un'altra stagione in rossoblu: "Certamente. Anche perché al momento attuale il suo valore non è minimamente paragonabile a quello di Samir Handanovic. La permanenza in rossoblu non può fargli altro che bene. A patto però che lavori molto sulle diverse lacune che ancora ha, anche a livello fisico".

VIDEO - BARELLA-GOL E ASSALTO FINALE, I MINUTI FINALI DI INTER-SLAVIA VISTI DA TRAMONTANA

Sezione: News / Data: Mer 18 Settembre 2019 alle 23:20
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print