Il quotidiano spagnolo As ha raggiunto il centrocampista dell'Inter Borja Valero. L'esperto centrale nerazzurro ha parlato ovviamente di come sta vivendo questi giorni di lockdown, anche sul piano della sua condizione fisica, ma anche della situazione della sua squadra e del suo futuro. Ecco le sue risposte:

Prima di tutto, come stai?
"Beh, per fortuna ho tutta la famiglia con me a casa e questo mi aiuta sempre. Se fossi da solo in questo momento sarebbe più complicato, così va meglio". 

Come sono gli allenamenti da casa?
"Stiamo seguendo un piano di base che l'Inter ci ha inviato a casa nostra. Ci hanno inviato una bicicletta e altre attrezzature da palestra per rafforzare il corpo a casa, oltre al tapis roulant".

Il calo fisico è evidente?
"Sicuramente lo notiamo tutti quando usciamo in un campo da calcio per correre. Sarà simile a quando si torna dalle vacanze. Nel frattempo, proveremo a perdere il minor ritmo possibile".

Speri che la stagione possa finire oppure pensi che sia definitivamente sfumata?
"Spero venga conclusa. Ciò significherebbe che i problemi più importanti, che sono quelli della salute, sono stati risolti".

Sei uno di quei giocatori col contratto in scadenza. Come pensi che quel puzzle sarà risolto?
"Non si sa cosa accadrà. Quando verrà presa una decisione amministrativa, parlerò al club dei dettagli che mi riguardano".

È una decisione che influenza il futuro immediato della tua carriera.
"Certo, uscendo il 30 giugno, posso negoziare con altri club dal primo gennaio, ma queste circostanze hanno sconvolto un po' tutto. Voglio davvero continuare a giocare, almeno uno o due anni. Quando ho giocato in questa stagione mi sono trovato molto bene e ho mostrato un ottimo livello. La situazione genera incertezza, ma voglio continuare".

Una pausa del genere, a 35 anni, non ti fa ripensare a lasciare tutto?
"Ho ben chiaro in testa che non voglio smettere. La parte che crea più dubbi a questa età è quella fisica, ma io sono stato straordinariamente bene in questa stagione. Sono stato uno dei migliori nella mia squadra in termini di dati fisici quando ho giocato e questo è stato fondamentale per rendermi conto che voglio ancora giocare, che mi diverto e che vorrei continuare a divertirmi per un anno o due, a seconda di come mi vedo".

Il calcio si è fermato tardi in Italia? La sfida tra Juve e Inter si trova al centro di grandi polemiche.
"Si è agito tardi a prescindere da quella partita. Si è dovuto ammalare un giocatore per fermare tutto. Ciò avrebbe dovuto essere evitato fermandosi prima".

Come vedi la situazione della Spagna da Milano?
"Sfortunatamente, in Italia tutto è successo con una settimana o due in anticipo ed è triste perché ti colpisce due volte. La situazione avrebbe potuto essere evitata agendo un po' prima? Ho pensato di sì ma non lo sai mai".

Lasciando da parte il Coronavirus. Come vedi l'Inter?
"C'è un grande desiderio di riportare l'Inter in vetta. Sia i fan che il presidente e l'allenatore sono molto entusiasti del progetto. E questo si vede anche dal tipo di giocatori che sta cercando ora il club. Si investe molto e questo fa salire di livello".

Come va con Conte?
"Ha un grande carattere competitivo e fa un brutale lavoro quotidiano, volendo sempre superare se stesso. È molto esigente con se stesso e con tutti gli altri, non solo con i giocatori. Tale requisito fa anche la differenza in campo".

E con Lautaro?
"Ho un gran rapporto con lui. Sono stato in Italia per otto anni e per me la lingua non è più un problema, ma Lautaro è venuto dall'Argentina molto giovane parlando solo spagnolo, quindi fin dall'inizio gli sono sempre stato vicino aiutandolo in ogni modo possibile. Ha un grande futuro davanti".

Come è stato il tuo adattamento quando sei arrivato in Italia?
"All'inizio ho pensato che sarebbe stato più complicato. Quando sono arrivato, il numero di spagnoli che avevano avuto successo in Italia era molto piccolo. C'era una teoria secondo cui per il calciatore spagnolo il catenaccio non andava bene, ma sono stato fortunato ad arrivare alla Fiorentina, dove l'allenatore adorava giocare a calcio, con giocatori di qualità, il che ha velocizzato il periodo di adattamento".

Sei stato quasi un pioniere. Più tardi, gente come Fabian Ruiz, Luis Alberto, Suso hanno avuto successo in Serie A.
"Fortunatamente, la mentalità in Italia è cambiata molto e ciò significa che il calciatore spagnolo, il tipico giocatore tecnico che in precedenza sembrava avere solo un posto nelle squadre spagnole, si è fatto un nome in qualsiasi parte del mondo. Sono orgoglioso di far parte di quella lista di calciatori".

VIDEO - ACCADDE OGGI (1996): POKER ALLA CREMONESE, ZANETTI IN SLALOM TRA I GRIGIOROSSI

Sezione: News / Data: Lun 06 aprile 2020 alle 11:20
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print