Termina anche il secondo turno del girone di Champions e l'Inter rimane ancora a secco di vittorie, tuttavia sono solo due i punti di distacco dalla vetta occupata proprio da quello Shakhtar Donetsk che ha bloccato i nerazzurri in quel di Kiev sullo 0-0: un risultato quanto mai bugiardo vista la prestazione degli uomini di Conte, ma che comunque non serve a dirimere tutti i dubbi sulla rosa nerazzurra né a dare serenità in vista delle gare con Parma e Real Madrid che - prima del match con l'Atalanta - chiuderanno questo ciclo da 7 gare in 21 giorni coincise con il periodo di massima sofferenza viste le tante assenze che lo hanno caratterizzato.

In quel di Kiev i nerazzurri si sono resi protagonisti nei primi 45 minuti di una prestazione di livello buono, nel secondo tempo hanno avuto anche altre chance per vincere la gara, ma poi è venuta meno la spinta atletica (un tema ricorrente di questa prima fase di stagione) cosa che ha aiutato gli ucraini a reggere l'urto grazie anche a un fortino ben arroccato negli ultimi 30 metri di campo. Questo è uno dei temi trattati nella puntata de L'Orologio assieme a quelli che sono i due equivoci tattici di questa rosa e che potete scoprire assieme a noi e condividere o meno.

In vista della gara contro il Parma rientreranno altri elementi in rosa e questo non potrà che aiutare Conte nella gestione delle rotazioni dei titolari e potrebbero prospettarsi novità intriganti di formazione anche alla luce dei cambi quantomeno poco condivisibili del tecnico pugliese nella gara di martedì: sarà l'occasione per qualcuno di esordire da titolare in questa stagione? Sarà giunto il momento per Lukaku o Vidal per tirare il fiato? Sta Conte allenando sul lungo periodo invece che fossilizzarsi solo sulla singola partita a prescindere da quanto accadrà?

E proprio su Conte ci siamo concentrati alla luce di quello che è stato il cambiamento più grande di questa Inter? Cosa si nasconde dietro alla svolta zen del tecnico più accalorato della Serie A? E a cosa porterà tutto ciò?

Buon ascolto!

VIDEO - SESSANT'ANNI DI MARADONA, MA ANCHE IL "PIBE" SI ARRESE ALL'INTER DEI PANZER

Sezione: L'Orologio / Data: Ven 30 ottobre 2020 alle 11:10
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print