Rocco Commisso, patron della Fiorentina, ha commentato così a Sky Sport il match perso oggi contro l’Inter: “Ogni tanto si vince, ogni tanto si perde. Venire qui a San Siro contro la seconda squadra italiana e giocare così secondo me è un buon risultato. Secondo me poteva starci un pareggio, abbiamo perso ma per oggi va bene. Ribery? È un artista, è sempre il primo ad arrivare in allenamento. Abbiamo fatto un regalo al calcio italiano, lo scorso anno qui il Milan gli fece una standing ovation e oggi lo stesso. Io invecchio, lui no. Io credo che abbiamo una squadra più forte dell’anno passato”.

Su Chiesa: “Chiesa resta? In Italia siete furbi e intelligenti, Chiesa resta, anche se tutto può succedere, non so nemmeno se domani sarò ancora vivo. Non abbiamo debiti, posso fare quello che voglio perché so fare business. Dobbiamo investire senza perdere soldi, Stiamo investendo tanto, il percorso è lungo e non possiamo fare tutto quest'anno. L'obiettivo è mantenersi nella parte sinistra della classifica e poi pensare a qualcosa in più. Anche Milenkovic resta".

Sullo stadio: “I nostri ricavi sono all’ottavo posto, non è una coincidenza che le squadre che hanno fatto meglio di noi abbiano i ricavi più alti. Dove possiamo arrivare? L’ho detto, nella parte sinistra della classifica, forse meglio del decimo posto. Ora dobbiamo fare le cose giuste, anche perché il Covid ha scombinato i piani”.

Sezione: L'avversario / Data: Sab 26 settembre 2020 alle 23:16
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print