Il suo nome ha occupato ogni pagina di calciomercato durante l'estate, con una trattativa che via via è diventata una vera e propria 'telenovela'. Un affare complesso, reso ancor più difficile da un cliente certamente ostico che mai avrebbe voluto rinunciare al proprio gioiello. Ma alla fine il Wolsfburg ha ceduto e nel rush finale di mercato l'Inter è riuscita a strappare il sì dei Wölfe per portarlo a Milano. In attesa del derby che dovrebbe vederlo in campo dal 1', Ivan Perisic si presenta alla stampa in occasione della sua prima conferenza stampa ufficiale in nerazzurro. Di seguito le sue dichiarazioni, riprese dall'inviato di FcInterNews.

Come sempre esordisce il direttore generale Marco Fassone: "Diamo il benvenuto a entrambi, con tutto il cuore. Auguri per questa nuova stagione insieme".

Cosa ti aspetti dal derby di domenica?
"L'Inter è uno dei migliori club al momento, il derby la prima partita e sono fortunato a giocarla. Tutte le partite sono importanti".

Hai voluto fortemente l'Inter...
"Sono stati tre mesi particolari per la mia situazione, ma l'Inter è una grande club. Ci sono stati dei momenti difficili, ma a un club del genere non si può dire no. Ho parlato con il Wolfsburg e alla fine siamo riusciti a venire all'Inter".

Hai parlato con Mancini durante la trattativa?
"Il mio agente parlava sempre con Fassone e Ausilio, poi Mancini mi ha chiamato e abbiamo parlato della posizione in cui avrei giocato".

Cosa rappresenta questa occasione per te?
"Tutti hanno delle responsabilità quando si gioca nell'Inter, gli anni passati sono stati molto importanti per me. Penso che venire all'Inter sia il meglio per il prosieguo della mia carriera".

L'Inter ha raggiunto la Juventus e può lottare per lo Scudetto?
"Non voglio parlare di questo e della Juventus. Voglio pensare all'Inter e a giocare ogni gara".

Cosa ti attendi dal calcio italiano?
"Penso che era il campionato più importanti qualche anno fa, mentre ora è stato perso un posto nella Champions League. Credo però che le cose andranno migliorando".

Cosa ti aspetti dal punto di vista personale e di squadra?
"Siamo concentrati sulla prossima gara. Con il Wolfsburg siamo arrivati secondi dietro al Bayern Monaco, ma l'Inter è l'Inter. Un grandissimo club".

Qual è la tua posizione preferita?
"Dipenderà dal mister, ma posso giocare in tutte le posizioni dell'attacco: a destra, a sinistra e in mezzo. Deciderà mister Mancini".

Che Milan ti aspetti domenica?
"Il Milan ha avuto delle difficoltà l'anno scorso, ed è strano che non giochi in Europa come l'Inter. Il derby è il derby, tutti vogliono vincere questo match".

Dopo una trattativa del genere, senti delle pressioni particolari?
"Questa è la prima volta che più di un club ha lottato per avermi o tenermi. Ma l'Inter mi ha voluto fortemente, con mister Mancini in primis. Questo è stato importantissimo per me".

Hai pensato in un certo momento che l'Inter fosse solo un miraggio?
"Il Wolfsburg voleva tenermi, ma adesso sono qui".

FcIN - Cosa ti ha spinto a scegliere l'Inter di fronte a tante offerte? Ci sono stati altri motivi a parte Mancini?
"Quando ho saputo dell'Inter ero felicissimo, ma non solo per Mancini. Penso che l'Inter sia un grande club e volevo venire qui".

In cosa speri di veder migliorata la squadra rispetto alla scorsa stagione?
"Ci sono grandi giocatori e tanti nuovi, spero si possa far meglio della scorsa stagione".

Ti senti abbastanza 'cattivo' per giocare un derby?
"Il derby è il derby, e per un giocatore scendere in campo contro le big come Juventus e Milan è il massimo".

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 10 Settembre 2015 alle 16:08 / articolo letto 28673 volte / Fonte: Appiano Gentile (CO) - Dall'inviato al centro sportivo Angelo Moratti
Autore: Francesco Fontana / Twitter: @fontafrancesco1