Sfumato il suo passaggio all'Inter nell'ultima finestra di calciomercato invernale, Olivier Giroud ha ammesso candidamente a Télé Foot di non aver perso le speranze di vestire un giorno la maglia nerazzurra. "L'affare non si è concluso perché il Chelsea, facendo andar via Giroud, doveva trovare un sostituto per forza - racconta Luca Antonini, uno degli intermediari delle trattativa, a Calciomercato.com -. Quindi nel mercato non ha trovato un giocatore adatto a quel tipo di gioco. L'Inter non è riuscita a portarlo a casa solo per questo motivo".

Volgendo lo sguardo al domani, Antonini spiega dal suo punto di vista la fattibilità di un ritorno di fiamma dei nerazzurri per il campione del mondo francese: "Il futuro non si può sapere, con questa storia del Coronavirus si parla di tutto tranne che di mercato. In questo momento nessuno di noi vuole intraprendere trattative. C'è gente che sta male, che muore ogni giorno, e onestamente è poco carino pensare a questo tipo di cose - le parole dell'ex terzino del Milano -. In ogni caso, dico che Conte può essere determinante, l'ha avuto al Chelsea e hanno un bel rapporto. Giroud è un professionista esemplare, incredibile, pur non giocando nei primi sei mesi non ha mai detto cose contro la società o l'allenatore. Quando è stato chiamato ha risposto presente, facendo anche 3 gol. E' un giocatore di sicura professionalità e quindi Conte sa che portare un giocatore di questa esperienza può diventare un valore aggiunto a una formazione già molto importante".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 01 aprile 2020 alle 21:17
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print