Basta Pocho. L'Inter si fionda sull'argentino del Napoli e, dopo le indiscrezioni riportate ieri sera, ecco che anche i quotidiani in edicola approfondiscono il discorso. Lo fa in particolare la Gazzetta dello Sport, che parla addirittura di offerta ufficiale da parte di Moratti verso l'amico De Laurentiis.

L'OFFERTA – Che il numero 22 del Napoli fosse in cima ai pensieri di mercato lo si sapeva da tempo e non è un mistero nemmeno il fatto che il presidente partenopeo non metterà veti verso chi gli porterà i soldi della clausola (30 milioni e 800mila euro).  In questi giorni l'Inter avrebbe sferrato l'ennesimo attacco per portarsi a casa il Pocho, e stavolta la proposta è di quelle allettanti per il patron dei campani: 15 milioni di euro, oltre al cartellino di Goran Pandev (al momento solo in prestito) e un giovane a scelta tra Obi e Faraoni.

LE VARIABILI – Adesso c'è da capire come si comporterà il club azzurro. Secondo la Gazzetta, la prima offerta non avrebbe soddisfatto del tutto la dirigenza, che se da un lato non alzerà le barricate verso chi mostrerà voglia di addio, dall'altro si tiene stretto il sacrosanto diritto di giostrare la cessione di uno dei suoi campioni. Le ultime uscite pubbliche, però, col senno di poi lasciano pensare. De Laurentiis che dice “Il Pocho sta nel mio cuore, però se lui crede che questa non sia la sua casa, lo lasceremo andare”, Moratti che ammette “E’ un gran giocatore, lo prenderei subito”, e lo stesso ex attaccante del San Lorenzo che rivela una certa insofferenza “Resto? Credo di sì, ma non si può mai dire nel calcio. Amo Napoli, ma ogni tanto vorrei vivere come una persona normale, senza l'obbligo di dovermi camuffare per andare al cinema con la mia famiglia o per prendere un gelato”.

TATTICA E PANCHINE – A livello tattico, il Pocho sarebbe l'ideale per aprire spazi a Diego Milito, proprio come fa ora con Cavani. Magari segna di meno (anche se nell'ultimo periodo ha aumentato la frequenza), però diventa incredibilmente utile come 'apriscatole' di ogni difesa. Seconda punta, ma anche esterno in un tridente. Oggi giocherebbe di certo titolare in quello di Stramaccioni. Ecco perché, qualunque decisione prenderà Moratti in fatto di panchina, Lavezzi non potrà mai essere un problema. E poi bisognerà capire anche cosa accadrà sull'altra panchina, quella del Napoli: la permanenza di Walter Mazzarri, ancora in dubbio nonostante le frasi di facciata, potrebbe pesare parecchio sulle decisioni di De Laurentiis in ottica mercato. Lavezzi compreso. Basta Pocho?

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 28 Aprile 2012 alle 08:31
Autore: Alessandro Cavasinni
Vedi letture
Print