Cristiano Biraghi, difensore dell'Inter e della Nazionale italiana, si presenta ai microfoni di Sky Sport all'indomani della partita contro il Liechtenstein, dove è stato protagonista con l'assist vincente per Federico Bernardeschi per il primo gol azzurro, e in vista del ritorno del campionato e della gara di Reggio Emilia contro il Sassuolo:

Con che carica torni dall'Italia?
"E' normale che vestire la maglia azzurra è sempre un onore. Poi una volta finita la Nazionale bisogna distinguere le due cose, ora ho la testa all'Inter perché domenica c'è una partita importantissima e bisogna trovare la testa giusta".

Come ti aspetti di trovare Conte e i tuoi compagni alla ripresa del campionato?
"Sicuramente siamo carichi e abbiamo voglia di riprendere subito il cammino della vittoria. Sappiamo di aver affrontato una squadra difficile, analizzeremo le cose che non sono andate bene per migliorare".

La sconfitta con la Juve ha minato qualche certezza o è solo un incidente? Vi sentite ridimensionati?
"No, di certo non è una sconfitta che ci fa cambiare modo di pensare e mentalità che ci dà il mister. Ci deve bruciare meglio, ma dobbiamo vedere cosa non è andato bene e tenerlo dentro per migliorare".

Quanto perdete senza Sanchez e D'Ambrosio?
"Sicuramente gli infortuni fanno parte della stagione, perdiamo due giocatori importanti e dispiace per loro. Speriamo che si riprendano al più presto ma siamo tranquilli perché ci sono altri giocatori che faranno bene. Può succedere, l'importante è essere prontI".

Come sta andando il tuo ritorno all'Inter? Che soddisfazione è tornare in nerazzurro?
"E' stata una cosa bellissima, un sogno che si è realizzato. Sono andato via ragazzino e sono tornato uomo. Sono felice di essere qui, è il sogno per il quale ho lavorato in questi giorni. Ora voglio continuare a lavorare e lasciare un segno in questa società".

Cosa lascia Inter-Juventus?
"Noi abbiamo iniziato questo percorso sapendo di affrontare un ciclo nuovo e che ci sarebbero state difficoltà. L'importante è affrontarle volendo migliorare di giorno in giorno. Questa mentalità l'abbiamo immagazzinata, abbiamo perso una partita e siamo arrabbiati; ora vogliamo la rivincita".

La sfida col Borussia Dortmund sarà decisiva per la Champions?
"Intanto domenica abbiamo una partita importantissima che vogliamo vincere, poi penseremo al Borussia. Sarà difficile, ma vogliamo vincere. Avremo la fortuna di giocare in casa e avremo una spinta in più".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 16 Ottobre 2019 alle 13:40
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print