Con il rinnovo di Edin Dzeko, l’Inter si trova ora costretta a cercare sul mercato un piano B per l’attacco. Un duro colpo per Antonio Conte che aveva costruito il suo progetto tecnico sull’avere due granatieri in attacco, Romelu Lukaku e appunto l’attaccante bosniaco. Tuttosport oggi in edicola fa il punto della situazione.

“L’Inter doveva dare massima priorità alla chiusura dell’operazione perché, passando le settimane, è affiorato un ostacolo insormontabile, ovvero la ricerca di un sostituto all’altezza da parte dei giallorossi, anche perché Mauro Icardi non ha mai aperto all’ipotesi Roma, anche se l’offerta dei giallorossi era considerata molto allettante - si legge -. Per l’Inter è un duro colpo anche perché diminuisce la forza contrattuale nei confronti di Icardi e della Juve, la destinazione scelta dall’argentino per proseguire la carriera. L’idea di Marotta, quella di fare uno scambio alla pari con Dybala, ora rischia di venir stravolta dagli incastri di mercato: facile pensare che, nonostante una valutazione dell’Inter di 80 milioni per il centravanti, sia la Juve, nel caso in cui le parti tornassero a parlare, a chiedere un robusto conguaglio”.  
 
L’Inter adesso potrebbe provare a fare sponda sul Napoli, altra pretendente per Maurito. “Arkadiusz Milik non ha mai scaldato i dirigenti nerazzurri ma, per caratteristiche, è un giocatore che molto si avvicina a Dzeko. Questa sarebbe l’unica soluzione in mano a Marotta per evitare di scendere a patti con la Juve, in base all’input dato a suo tempo da Steven Zhang. Il mercato degli svincolati offre anche l’opportunità Fernando Llorente che Conte ha allenato e Marotta apprezza per la professionalità e per la capacità di fare gruppo, ma sarebbe un doppio passo indietro rispetto a Dzeko. Tra gli attaccanti sul mercato c’è pure Alexis Sanchez che tutto è fuorché un ariete. Però, vista la situazione, non è più il caso di sottilizzare”, conclude il quotidiano.

Sezione: Focus / Data: Sab 17 Agosto 2019 alle 08:28
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print