Dopo la clamorosa sconfitta al Meazza contro il Bologna, Andrea Ranocchia si presenta ai microfoni dell'inviato di FcInterNews nella mixed zone del Meazza:

Spalletti dice che il carattere del gruppo non è all'altezza di questo palco. Cosa ti senti di dire a proposito?
"Sicuramente l'aspetto psicologico è quello che influisce di più perché giocatori di livello così alto non smettono di giocare da un giorno all'altro. In questo bisogna correre ai ripari immediatamente per arrivare in fondo ai nostri obiettivi. Abbiamo comunque un'Europa League da giocare e un piazzamento in Champions da conquistare. Non possiamo crearci problemi mentali o alibi in questo momento, dobbiamo lavorare e portare a casa punti a partire dalla prossima partita. Non c'è più tempo, quelle davanti scappano e quelle dietro arrivano".

C'è da guardarsi più indietro considerando che la prossima è a Parma?
"Ni, dobbiamo fare il nostro campionato. Siamo ancora davanti ma distanti dal Napoli, il campionato è lunghissimo e possiamo cambiare le sorti di questa stagione in poche partite. Dobbiamo cambiare il nostro approccio durante la partita, bisogna lavorare in settimana che fortunatamente sarà abbastanza lunga".

Al di là dell'aspetto mentale cosa sta mancando di concreto a questa squadra che fatica a segnare?
"Dal mio punto di vista è una questione prettamente mentale, ed è un'arma che possiamo portare dalla nostra visto che l'aspetto fisico richiede più tempo e quello tecnico o lo hai o non lo hai. La parte mentale è la più facile da cambiare, bisogna mettersi lì singolarmente a cercare di raddrizzare la barca. C'è bisogno di un gruppo, nessuno può risolverla singolarmente, è uno sport di squadra".

È più difficile giocare al Meazza in questi momenti?
"Io lo so bene, dipende poi dagli individui. Abbiamo giocatori di personalità e forza, abituati a giocare con queste pressioni. Sono quasi tutti Nazionali, non è facile ma non possiamo fare altro che lavorare su noi stessi. Non possiamo mettere le museruole sulle persone".
 

Sezione: Focus / Data: Dom 3 Febbraio 2019 alle 21:10 / articolo letto 7042 volte / Fonte: dall'inviato al Meazza, Mattia Zangari
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit