Lunga e interessante intervista di Diego Milito a 90min.com. El Principe ha raccontato molti aneddoti interessanti, alcuni ovviamente riguardanti il Triplete con l'Inter di 10 anni fa. 

C'è differenza tra i titoli vinti da giocatore e quelli conseguiti nelle vesti di dirigente?
"È chiaro che qualcosa cambia. Non è lo stesso di quando sei un calciatore: molto dipende da ciò che fai nel campo di gioco. Nel ruolo di manager o direttore sportivo invece non hai molte responsabilità, oltre a quella di formare una buona squadra. Si soffre in maniera diversa, anche se guardi le partite dalla tribuna".

Nicolas Burdisso è stato fondamentale nella trattativa che ha portato De Rossi al Boca Juniors. Hai mai pensato di fare la stessa cosa con un tuo ex compagno di squadra? 
"È difficile convincere certe figure, non è facile venire a giocare in Argentina. Nel caso di De Rossi è stata una decisione molto personale, al di là del rapporto che lo lega a Burdisso. È stato strano perché non è mai facile per un italiano affrontare un'avventura del genere nel nostro Paese. È una cosa molto bella e spero che vada bene".

Lautaro Martinez è stato presente nelle ultime convocazioni di Scaloni. Cosa gli manca per affermarsi come numero 9 della Seleccion?
"Tempo! È chiaro che è un grande giocatore e non ho dubbi che farà molto bene con la nostra nazionale. Ha bisogno di tempo e di accumulare gare per fare più esperienza possibile. È quello di cui ha bisogno oggi. Non sarà facile affermarsi perché fortunatamente abbiamo grandi attaccanti".

Si può dire che la finale del 2010 contro il Bayern Monaco (in cui l'argentino realizzò la doppietta decisiva nel 2-0 finale) sia stata la gara più importante della tua carriera?
"Sì, certo. Per tantissimi motivi: per cosa significa giocare una finale di Champions League, cosa significava per l'Inter in quel momento e per me personalmente. È stata una partita senza pari".

La semifinale contro il Barcellona è stata la chiave, con Mourinho che è entrato in campo per festeggiare. Che impatto ebbe quella vittoria?
"È stata una grande gioia per l'Inter qualificarsi per la finale dopo 45 anni. L'intero mondo interista lo voleva: i tifosi, la società, il Presidente. Un'impresa straordinaria contro quella che era la migliore squadra del mondo, con il miglior giocatore del mondo (Lionel Messi). Fu qualcosa di davvero importante".

Qual è stato il ruolo di Mou in quella squadra che ha vinto tutto?
"Era fondamentale, era il nostro riferimento, il nostro comandante. Un allenatore che ci ha fornito tutti gli strumenti per conseguire ciò che è stato raggiunto quell'anno".

Qualche episodio che hai condiviso con lui?
"Molti. È sempre stato molto vicino ai giocatori. Un allenatore che riesce a ottenere il 100% da ognuno dei suoi ragazzi ha un valore, gestisce il gruppo molto bene. Ha avuto un anno fantastico con noi".

Perché pensi che l'Inter non possa raggiungere ancora successi come quelli?
"Ha avuto molti cambiamenti, su tutti quello di proprietà con la partenza di Moratti. Non potrebbe mai raggiungere la stabilità di allora ed essere competitiva. Oggi con il gruppo Suning ha trovato la direzione di cui aveva bisogno. Vorrei che questo fosse l'anno dell'Inter".

AMARCORD ETO'O - IL RE LEONE STENDE IL CHELSEA

Sezione: Focus / Data: Sab 7 Settembre 2019 alle 11:43 / Fonte: 90min
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print