Il summit odierno nella sede dell'Inter, oltre a sancire il ritorno alla casa madre per Andrea Pinamonti, è servito a Mino Raiola per chiarire la propria posizione sul contratto richiesto dall'attaccante di Cles. Ovviamente, venendo riacquistato a titolo definitivo, Pinamonti dovrà firmare un nuovo accordo e il potente manager italo-olandese è stato chiaro: quinquennale a salire, partendo da 2,2 milioni il primo anno (in Liguria ne avrebbe percepiti 2 milioni più bonus) per arrivare, con crescita graduale, fino a 3 milioni il quinto. Richiesta in linea con i patti dell'estate scorsa, quando il giovane accettò la cessione al Genoa sapendo che sarebbe tornato alla base. 

Un rientro però solo momentaneo, perché dopo la firma del contratto è probabile che Pinamonti vada altrove in prestito. A oggi le ipotesi più credibili sono Torino e Cagliari, che avevano sondato il terreno nelle scorse settimane. In alternativa, non va esclusa una permanenza come quarta punta, utile anche per le liste anche se Antonio Conte preferirebbe un profilo più esperto. Situazione che comunque va risolta prima possibile, una gatta da pelare di cui Beppe Marotta e Piero Ausilio avrebbero fatto volentieri a meno.

VIDEO - 17/09/2003 - ARSENAL-INTER 0-3, CRUZ-VDM-MARTINS ABBATTONO I GUNNERS

Sezione: Esclusive / Data: Mer 16 settembre 2020 alle 22:14
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print