Ok il prezzo non è giusto. Parafrasando la celebre trasmissione di Iva Zanicchi potremmo fotografare il futuro di Stefano Sensi all'Inter. Troppi i 22 milioni cash per il suo riscatto. Soprattutto al netto dei continui infortuni, ben 5 in questa stagione che denotano la grave predisposizione alla fragilità muscolare. Nonostante le continue rassicurazioni del suo agente Giuseppe Riso, il prezzo del centrocampista di Urbino è in discussione. L'Inter lo riscatterebbe volentieri a patto di un sensibile sconto da parte del Sassuolo, che invece punta a incassare 20-22 milioni cash. Senza contropartite giovani come accaduto in passato con Jens Odgaard e Marco Sala per abbassare il prezzo. Una matassa difficile da districare, al netto di un apprezzamento tecnico elevato dalle parti di viale della Liberazione per il regista tascabile.

Antonio Conte lo stima e in rosa non c'è una mezzala con le caratteristiche tecniche dell'ex Cesena, anche se la fragilità fisica rispetto a un guerriero come Arturo Vidal o Radja Nainggolan autorizza qualche riflessione in casa nerazzurra. Probabile che il prestito venga esteso al 31 agosto per procrastinare i discorsi relativi al riscatto da fine giugno a fine agosto. In tempo utile anche per Sensi per guarire e tornare finalmente protagonista. Il finale di stagione sarà importante per tutte le parti in causa: Sensi dovrà allontanare i dubbi sulla sua tenuta fisica e imporsi di nuovo come pilastro interista. Altrimenti servirà un robusto sconto del Sassuolo (15 milioni il nuovo prezzo?) per agevolare un riscatto che da scontato rischia di complicarsi un po'. Gli eccellenti rapporti Marotta-Carnevali fanno pensare un lieto fine visto anche il gentleman agreement della scorsa estate, quando i nerazzurri bruciarono la concorrenza di Barça e Milan per il classe 1995. La missione sconto è scattata: il Sassuolo si accontenterà?

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - DARIAN MALES, UN NUOVO TALENTO E' PRONTO A SBARCARE NEL MONDO INTER

Sezione: Esclusive / Data: Ven 19 giugno 2020 alle 23:00
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print