L'amministratore delegato dell'Inter Giuseppe Marotta, nel corso di un'intervista a Sky, ha fatto un bilancio complessivo in questo finale di stagione. Queste le sue parole:

“Il secondo posto è la conferma di un progetto cominciato fin dall’inizio di questa stagione. Il fatto di aver eguagliato i punti del Triplete, del record di gol in trasferta e di aver mantenuto la miglior difesa del campionato sono ottimi spunti, ma la priorità è quella di aver creato un modello per le stagioni a seguire. Debbo dunque ringraziare la dirigenza per il supporto dato alla squadra. La differenza con la Juve? Posso parlare di mentalità, dobbiamo pensare in maniera vincente, pensando di portare a casa il risultato, lottando su ogni punto e magari ponendo talvolta in secondo piano l'aspetto del bel gioco. Ripensando ad alcuni punti buttati lungo il cammino c’è un certo rammarico, ma non è facile trovare un allenatore come Conte in grado di arrivare a un risultato del genere fin dal primo anno, va elogiato. Messi in nerazzurro? Dobbiamo essere realisti, si tratta di un discorso utopistico quando vanno fatti i conti con la realtà. Si tratta di fantasie, Messi è un top player assoluto che si trova in una dimensione ideale come quella del Barcellona, dove penso che concluderà la carriera. Ribadisco dunque che si tratta di pura utopia”. 

Sezione: Copertina / Data: Sab 01 agosto 2020 alle 23:15 / Fonte: sky sport
Autore: Stefano Carnevale Schianca / Twitter: @SchiancaStefano
Vedi letture
Print