"Questa è l’Inter. Che segna 3 gol e domina sul campo di un Sassuolo ancora imbattuto (ma ieri sciagurato), lo aggancia, supera la Juve e si addormenta al secondo posto, a 2 punti dal Milan. L’anomalia era vederla in balia del Real Madrid B. E’ bastato rimettere la testa a posto. I nerazzurri hanno giocato con una concentrazione e una determinazione che in questo campionato hanno dimenticato spesso. Sono stati squadra, come raramente in stagione". L'analisi della Gazzetta dello Sport è molto chiara e schietta: l'Inter riordina le idee e torna fare l'Inter, quella vista per larga parte della passata stagione. Senza voli pindarici e senza alchimie troppo complicate a livello tattico.

"Hanno chiesto a Conte se quella col Sassuolo è stata l’Inter più bella della stagione. Giustamente ha risposto di no. Meglio i primi tempi con Lazio e Real, a Madrid, dove l’Inter impose il suo gioco - sottolinea la Gazzetta -. Ieri ha concesso al Sassuolo più del 60% del possesso e ha vinto in ripartenza. Dopo l’ottima prima stagione, Conte avrebbe voluto aggiungere qualità all’impianto: con Eriksen, Hakimi, Perisic... «Voglio divertirmi», diceva. Non ha trovato gli equilibri. L’Inter di Reggio, con Darmian e Barella là dietro, in questo senso, è un passo indietro, anche se necessario come una medicina. Ma anche Conte sa bene che, prima o poi, dovrà riuscire a immettere qualità per vincere in Europa e con squadre chiuse".

VIDEO - ACCADDE OGGI - 29/11/2003: CRUZ "MATA" LA SIGNORA, MARTINS COMPLETA L'OPERA

Sezione: Rassegna / Data: Dom 29 novembre 2020 alle 09:00 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print