La rabbia di Conte nel post-Torino per l'approccio sbagliato al match può essere la benzina per una grande prestazione domani sera contro il Real Madrid, quando l'Inter sarà chiamata a non sbagliare gara. Anche perché - come sottolinea il Corriere dello Sport - quella con i granata è stata la sesta gara su undici della stagione che i nerazzurri sono costretti a rimontare. Spesso a Lukaku e compagni è andata bene, ma non sempre come con Parma, Borussia MG, Milan e proprio Real a Valdebebas. "Il dubbio è che possa influire ciò che è accaduto l’anno scorso, che poi è l’esatto contrario di quanto sta succedendo in questa stagione - spiega il CdS -.Nel campionato passato, ma anche in Champions, Handanovic e soci erano abituati a scattare subito dai blocchi, trovando spesso il gol nella prima mezz’ora di gioco o addirittura nel primo quarto d’ora. Finivano in calo, però. Tanto che, a fine torneo, furono ben 22 i punti lasciati per strada per le rimonte subìte. E, in Europa, i sorpassi incassati a Barcellona e a Dortmund sono costati l’eliminazione. Tuttavia, pur con quel difetto, la prima Inter contiana era comunque riuscita ad arrivare seconda in Serie A, ad una sola lunghezza dalla Juventus campione, e in finale di Europa League, sconfitta amaramente dal Siviglia. Il sospetto, allora, è che, dopo un mercato importante, con conseguente significativo rinforzo dell’organico, qualcuno si sia illuso che il passo in avanti - tradotto, la vittoria - sarebbe stato automatico". 
 

Sezione: Rassegna / Data: Mar 24 novembre 2020 alle 09:12 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print