Figc e Lega Serie A stanno definendo il protocollo "linee guida per la ripresa del campionato" che lunedì sarà inviato al ministero dello sport, Spadafora, che poi lo inoltrerà immediatamente al Cts: questo quanto conferma oggi la Gazzetta dello Sport. Resta il nodo quarantena in caso di nuova positività. In tal senso - come spiega il giornale - Lega e Figc non intendono forzare la mano al Cts: per il momento, niente proposta di quarantena soft (da due settimane a una) chiedendo un trattamento speciale per il calcio rispetto al Paese. "Molto meglio riservarsi di discutere dell’argomento più in là, a curva dei contagi (si spera) ancora più in discesa. Nel protocollo, che sarà rifinito in queste ore, su questo non sono previste novità. Ci sarà, invece, anche la possibilità negli stadi di avvalersi di un kit per i test sierologici a risposta rapida (8 minuti), insieme con termoscanner e saturimetro per misurare temperatura e ossigenazione del sangue", scrive la rosea.

Dunque, appuntamento al 28 maggio, quando tutte le componenti si siederanno attorno a un tavolo per decidere definitivamente se e quando ripartirà la stagione, programmando anche l'eventuale piano B dei playoff/playout. "Ma l’obiettivo resta sempre quello di giocare tutte le partite che mancano, partendo il 13 o il 20 giugno", assicura la Gazzetta.

Sezione: Rassegna / Data: Sab 23 maggio 2020 alle 09:36 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print