La Gazzetta dello Sport oggi propone un'analisi dell'impatto evidente dei 5 cambi e lo fa snocciolando anche dei numeri. Uno in particolare: nel 2017-18 e nel 2018-19, gli ultimi campionati giocati per intero prima del coronavirus, i gol segnati dai subentrati in Serie A erano poco più del 10% del totale; nelle prime sette giornate del 2021-22, sono diventati il 16,5% (37 su 224), dopo che già nella scorsa stagione erano saliti al 13,3%. "Lampante il confronto con la Premier League, che già dal 2020-21 era tornata ai tre cambi: su 184 reti segnate nei primi sette turni del massimo campionato inglese, 18 sono state realizzate da panchinari. Appena il 9,7%", sottolinea la rosea.

Una scelta, quella della PL, che non ha soddisfatto in molti. "Perché in tutti gli altri Paesi c’è la possibilità di fare cinque sostituzioni e qui no?", ha chiesto polemicamente Guardiola qualche tempo fa. D'altronde, secondo una tesi condivisa da più parti, i 5 cambi avvantaggerebbero le grandi ed è per questo che anche in Italia non piacciono a tutti. "Una tesi che in Italia viene confermata dal dato dell’Inter campione in carica: sono ben sei i gol nerazzurri arrivati dalla panchina. Nessuno come la squadra di Simone Inzaghi in Serie A, che è stato il primo allenatore del nostro campionato a effettuare addirittura quattro sostituzioni in contemporanea nell’ultima vittoria in casa del Sassuolo. Mosse che hanno, non a caso, cambiato il corso della partita", riferisce la Gazzetta.


"Non è però solo una questione di rose, ma anche di capacità degli allenatori di leggere le gare e trovare in panchina le armi giuste per colpire, mescolando uomini e tattiche - aggiunge la Gazzetta -. Se il gol dalla panchina avesse un volto, però, in questi primi sette turni sarebbe quello di Edin Dzeko: unico giocatore di Serie A a quota tre reti da subentrato, l’ultima delle quali decisiva nella vittoria dell’Inter in casa del Sassuolo". A due gol un altro interista come Correa.
Sezione: Rassegna / Data: Ven 15 ottobre 2021 alle 11:06
Autore: Alessandro Cavasinni
vedi letture
Print