Il Corriere della Sera racconta il day after di Inter-Slavia Praga tornando sul retroscena del diverbio tra Lukaku e Brozovic nel post-partita e sulle sensazioni di Conte subito dopo il pari del Meazza. "Lukaku ha cercato di spronare la squadra, in sostanza uno spunto per migliorare le prestazioni e i risultati dell’Inter - si legge -. Il confronto però è diventato un po’ troppo acceso, soprattutto quando Brozovic ha risposto usando i suoi toni. Il croato non ha gradito, ha sentito il discorso di Lukaku come rivolto a sé e non più in generale alla squadra, come invece intendeva il belga. I due si sono minacciosamente avvicinati, sono arrivati a contatto, poi tutto si è chiuso lì. Lukaku è da tutti dipinto come un gigante buono, ma pur sempre gigante, Brozovic ha invece un carattere piuttosto fumantino e non è nuovo a rapporti turbolenti con i compagni, particolarmente i numeri 9".

Quanto a Conte, "dopo il match era imbufalito. Non ci ha quasi dormito su, si è ritirato ad Appiano Gentile, ha passato la notte lì, a studiare gli errori commessi e a cercare soluzioni. Nel dopo partita ha usato parole forti, zero alibi. Lo stesso discorso deciso lo ha ripetuto alla squadra prima dell’allenamento, ha tentato di trasferire fiducia e carica, ma è stato fermo nel sottolineare gli errori commessi e da non ripetere. Una strigliata, perché si aspetta di più". 

In vista del derby è possibile qualche cambio, soprattutto davanti. "In attacco la convivenza tra il belga e Lautaro non funziona, possibile che nel derby l’argentino venga rimpiazzato da Politano, in attesa che Sanchez torni a livelli accettabili".

VIDEO - IBRA "CAMMINA SULL'ACQUA", COSI' LO SVEDESE EVITA GLI INVASORI DI CAMPO

Sezione: Rassegna / Data: Gio 19 Settembre 2019 alle 09:58
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print