Matteo Marani, ai microfoni di Sky Sport 24, commenta così le parole di Steven Zhang sulla necessità da parte dell’Inter e del sistema calcio in generale di trovare sostenibilità economica: “Intanto comincio col dire che l’emendamento sugli stadi storici è un ottimo passo avanti per la modernizzazione degli impianti. L’anno medio di realizzazione degli impianti di Serie A è il 1960, questo dice tutto. In generale il Covid ha colpito un calcio di per sè già fragile di suo: quest’esperienza ha messo alla luce un sistema poco redditizio. Una cosa che mi ha colpito delle parole di Steven Zhang era proprio il senso di struttura che intende dare alla società nerazzurra: il club ha tra l’altro perso 50 milioni potenziali dal mercato cinese, a maggior ragione occorre quindi dare basi solide. Bisogna dare i giusti strumenti ai presidenti delle squadre, in modo da sostenere un sistema bisognoso di sviluppo con soluzioni parallele efficaci. Poi è necessario incrementare il business: da un punto di vista tecnico sono troppi i giocatori di basso livello, profilo discutibile investendo troppo. Non c’è bisogno di andare in giro per il mondo per trovare modelli ideali, quello dell’Atalanta è un esempio perfetto di gestione ottimale, basato su un solido progetto che l’ha portata ad essere competitiva a livello europeo. Bayern e Real Madrid sono in positivo dal momento che hanno una gestione corretta dei propri sistemi”. 

Sezione: News / Data: Gio 17 settembre 2020 alle 21:34 / Fonte: sky sport 24
Autore: Stefano Carnevale Schianca / Twitter: @SchiancaStefano
Vedi letture
Print