"Dobbiamo andare oltre, io ho avuto Trapattoni che aveva vinto con Milan e Juve prima di venire a vincere all'Inter". Nello studio di Sky Sport, Beppe Bergomi inquadra così l'arrivo di Antonio Conte, simbolo della juventinità, in nerazzurro. "E' vero che io parlo di cose di 30 anni fa, quando non c'erano i social, ma non è successo nulla", aggiunge lo Zio, che poi parla così dell'idea di squadra del tecnico salentino: "A lui piace la rosa, giocherà con la difesa a 3 e recupererà Perisic schierandolo a tutta fascia. A Conte piacciono i giocatori come Vecino e Gagliardini, bravi a inserirsi, e recupererà Candreva. Ma - avverte Bergomi - non deve commettere l'errore che ha commesso Lippi: l'Inter non ha il dna della Juve, quindi non deve avere la presunzione di volerla cambiare. Conte è intelligente lo ha già capito"

Sezione: News / Data: Lun 03 giugno 2019 alle 23:25
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
vedi letture
Print