Michael Fabbri ha arbitrato la gara fra Brescia e Inter, decima giornata del campionato di Serie A. Per il fischietto ravennate il terzo incrocio con i nerazzurri, dopo una sconfitta contro il Genoa e una vittoria sull'Atalanta entrambe per 2-0.

La partita scorre in maniera agevole e senza troppi episodi dubbi da una parte e dall'altra. L'arbitro vede bene in tutte le occasioni (specie sui vari rigori chiesti, timidamente c'è da dire, per falli di mano che non ci sono). Corretta anche la gestione dei cartellini gialli, anche se probabilmente Balotelli meritava la sanzione anche prima dell'87' (quando è effettivamente arrivata) per una simulazione abbastanza evidente.

26' - Il primo ammonito della gara è Antonio Candreva. L'esterno arriva il scivolata in netto ritardo su Romulo. Si scusa subito Candreva ma il giallo è inevitabile.

29' - Qualche "manifestazione d'affetto" di troppo fra Gastaldello e Lautaro Martinez. Siamo a centrocampo, Fabbri lascia proseguire in entrambe le situazioni, ma nella seconda occasione ci può stare il fallo del difensore, non ravvisato.

37' - Cross dalla sinistra per il Brescia, Donnarumma impatta di testa e la palla sbatte su Gagliardini. I giocatori del Brescia chiedono subito il calcio di rigore, perché il centrocampista ha il braccio largo, ma la palla impatta solo sulla nuca. 

44' - Fasi confuse di gioco a centrocampo, lottano Tonali e Gagliardini, che commette fallo. Il centrocampista del Brescia allontana il nerazzurro, che a sua volta gli mette una mano sul volto. Cartellino giallo per Gagliardini e per Cistana, che protesta nei confronti di Fabbri.

45'+1 - Prova l'azione in velocità l'Inter, Mateju interviene in netto ritardo su Lautaro Martinez con un pestone: anche in questo caso inevitabile il cartellino giallo.

50' - Il Brescia va vicino al pari con Donnarumma, poi Balotelli cade a terra, tocca per ultimo e la palla esce sul fondo. Fabbri concede il corner (sbaglia), ma non sanziona Balotelli che effettivamente si lascia cadere un po' troppo facilmente: ci stava la simulazione.

62' - Bell'azione sulla progressione di Sabelli, Skriniar lo butta giù con una spallata e si prende il cartellino giallo. Per lo slovacco secondo fallo in pochi minuti, in questa occasione è anche tattico.

78' - Ndoj, entrato da pochissimo, entra in scivolata dritto su Candreva all'altezza del vertice destro dell'area del Brescia. Cartellino giallo per lui.

87' - All'ennesima protesta, anche Balotelli finisce sul taccuino dei cattivi di Fabbri. Un po' troppo nervoso l'attaccante, che si è lamentato spesso e volentieri in questa partita.

89' - Anche Gagliardini si lamenta per un presunto tocco col braccio in area di Balotelli, ma il pallone tocca solo il ginocchio dell'attaccante. Il Silent-Check conforta subito il direttore di gara.

92' - Probabilmente qualche parola di troppo di Conte dopo un calcio di punizione concesso al Brescia per fallo di Esposito; anche il tecnico dell'Inter viene ammonito dall'arbitro.

93' - Ancora un mani in area chiesto dai giocatori del Brescia, ma Biraghi ha assolutamente l'arto attaccato al corpo e non può quindi essere punito.

Sezione: Moviola / Data: Mar 29 Ottobre 2019 alle 23:55
Autore: Gianluca Losco / Twitter: @MrLosco
Vedi letture
Print