"Oltre a farci il sangue amaro come ieri dobbiamo prenderci le cose positive. Abbiamo ospitato i Campioni d'Italia e avuto l' apprezzamento di tutti, abbiamo fatto il massimo per la situazione che si è creata in campo. Su queste cose belle si volta pagina e si guarda alla prossima". Così il presidente dell'Empoli, Fabrizio Corsi, intervenuto a Gonialarete.com, è tornato sul ko di ieri sera rimediato in casa contro l'Inter. "Togliere concentrazione e dare alibi non va bene, oggi è un altro giorno".

Dialoghi con la terna arbitrale?
"Sono ragazzi in gamba, mi spiace che le mie parole possano farli dispiacere. Dopo li ho visti anche dispiaciuti. Logicamente il fallo su Bajrami è un episodio da VAR, l'arbitro può sbagliare. Io ho fatto 11 o 12 campionati in Serie A e questi episodi mi sono sempre successi, molti meno di quanti possano accadare al Napoli ovviamente. Se ci sono 10 radio e 15 televisioni, la stampa, decine di milioni di tifosi napoletani nel mondo e quindi la cosa si amplifica. Dal nostro punto di vista noi dobbiamo essere più comprensivi, l'ho imparato negli ultimi 30 anni".


Sui rapporti con gli arbitri:
"Noi non possiamo chiamare i dirigenti arbitrali, anche se presumo che molti lo facciano. L'anno scorso il presidente federale ha indicato una persona che potesse parlare con le società, l'anno scorso era Gianluca Rocchi che però ora è designatore. Ma una figura di questo genere oggi non c'è. L'anno scorso in Serie B non c'era il VAR e giuro che è stato molto peggio. Ora per fortuna c'è il VAR anche in B ma non c'è una figura di riferimento. La loro preparazione tecnica e arbitrale è migliore della mia e a me fa comodo una persona che a volte aiuta. Rocchi l'anno scorso 9 volte su 10 mi ha dato ragione. Il problema è che se lui non la vede come la vedo io...Magari restando un pochino più sereno e fiducioso creo meno problemi e merito più attenzione".
Sezione: L'avversario / Data: Gio 28 ottobre 2021 alle 13:37
Autore: Egle Patanè
vedi letture
Print