Intervistato dal giornalista SkySport Matteo Barzaghi, il difensore dell'Inter Andrea Ranocchia ha parlato dell'addio al sogno di poter disputare il Mondiale, dopo averlo sfiorato con il pass che gli ha permesso di essere incluso nei 24 scelti inizialmente da Cesare Prandelli. Non manca anche una rapida analisi circa il motivo che ha portato l'ex tecnico di Parma e Fiorentina a optare per questa decisione.

Come stai in questo momento? C'è tristezza?
"Il dispiacere è una cosa normale. Dispiace, certo. Tutti vorrebbero partecipare al Mondiale, ma sono ugualmente contento di aver messo in difficoltà il commissario tecnico fino all'ultimo giorno. Considerando che a gennaio-febbraio ho giocato pochissimo, posso dire che è stata una grandissima soddisfazione essere entrato nella doppia convocazione, prima nei 30 e poi nei 24".

Quali erano i patti con Prandelli?
"Mi ha chiesto la disponibilità per venire in Brasile come 24esimo in quanto alcuni elementi non erano al massimo della forma. Ho dato immediatamente il mio assenso perché non si può mai rifiutare la Nazionale italiana, neanche per un solo un giorno. Ho cercato di sfruttare l'occasione fino all'ultimo".

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 14 giugno 2014 alle 02:31 / Fonte: SkySport
Autore: Francesco Fontana
Vedi letture
Print