È forse il centrocampo il reparto che più di altri è andato in difficoltà nell'ultima parte di stagione pre-sosta. A dispetto della carenza di attaccanti, visti gli infortuni prima di Sanchez e poi di Politano, il reparto offensivo si è saputo barcamenare discretamente nelle difficoltà grazie a Lautaro, Lukaku e, sporadicamente, Esposito e Politano stesso, prima del crack di Dortmund. In mezzo, invece, gli stop di Vecino, Gagliardini e, soprattutto, Sensi hanno privato Conte di scelte e ricambi.

BUONE NUOVE DALLE NAZIONALI - La speranza del tecnico nerazzurro è quella di tornare ad avere più opzioni al rientro dalla sosta. Le nazionali, finora, restituiscono all'allenatore dell'Inter solo notizie positive: Barella protagonista in azzurro con gol, assist e non troppo spremuto; Vecino ormai pienamente recuperato dai piccoli acciacchi che fin qui lo hanno condizionato; Brozovic sempre più leader anche con la Croazia e meno stanco del solito visto il riposo concessogli da Dalic nell'amichevole con la Georgia (almeno inizialmente).

RECUPERI VITALI - Con Borja Valero in fondo alle gerarchie, a Conte non resta che recuperare dall'infermeria Sensi e Gagliardini. L'ex Sassuolo era stato uno degli elementi fondamentali per l'avvio sprint, poi l'infortunio del 6 ottobre contro la Juventus ha complicato i piani. Difficile rivederlo dal 1' a Torino, molto più probabile che il suo apporto di qualità si riveda a Praga, nel match decisivo in Champions League contro lo Slavia. Per quanto riguarda Gagliardini, poi, va sottolineato come pure nel suo caso c'è urgenza nel riaverlo in gruppo, poiché si sta rivelando una carta preziosa nel mazzo di Conte. Il rientro a pieno regime non sembra troppo lontano e anche il suo diventa un recupero atteso per affrontare al meglio l'ultima parte del 2019. Uno scorcio di stagione che, nei piani del club nerazzurro, deve essere il viatico ideale per un 2020 ancor più brillante.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 19 Novembre 2019 alle 18:13
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print