Non solo mercato in entrata. L'Inter sfoltisce la rosa e incassa anche un tesoretto non trascurabile. A partire dall'addio di Gabigol,, che in realtà Appiano l'ha visto poco. "L’accordo che Inter e Flamengo avevano trovato a novembre era di 18 milioni più un 20 per cento della futura rivendita. Accordo che era valido entro il 31 dicembre scorso e che ora è servito come stella polare da seguire per portare a termine l’operazione. Affare che dovrebbe chiudersi intorno ai 20 milioni di parte fissi più bonus: ultimi dettagli da sistemare, quelli di cui si sta discutendo in queste ore per la fumata bianca - conferma la Gazzetta dello Sport -. Politano lascerà spazio a Spinazzola nello scambio, ma poi ci sono altre uscite necessarie per poter aggiungere i nuovi acquisti alle liste per la Serie A e per l’Europa League. E qui il discorso è ancora piuttosto complicato. Perché la prima uscita certa sarà quella di Federico Dimarco – prestito al Verona - ma è anche quella più “inutile” in chiave liste, dal momento che Dimarco è Under e quindi non occupa alcuna casella. In lista di sbarco ci sono Matias Vecino e Valentino Lazaro, per motivi diversi mai realmente entrati nelle grazie di Conte e dunque principali indiziati a cambiare squadra in questa sessione. E ieri gli agenti dei due giocatori hanno incontrato la società per fare il punto della situazione. Ma non si vedono acquirenti (piace all’Everton). La Lazio ha fatto un sondaggio per il prestito ma l’Inter vuole monetizzare l’uscita di Vecino. Discorso diverso per Lazaro, arrivato in estate dall’Hertha per 21 milioni. L’esterno austriaco ha faticato a trovare spazio e può partire in prestito. In patria ha diversi estimatori, così come in Germania. Ma l’unico club che ha sondato seriamente l’Inter per Lazaro è stato il Newcastle. Al momento siamo solo a primi contatti".

VIDEO - GIACCA DI JEANS E CAPPUCCIO, ASHLEY YOUNG E' A MILANO

Sezione: Focus / Data: Ven 17 Gennaio 2020 alle 08:27 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print