Andrew Gravillon torna in Serie B: dopo essere stato uno dei migliori difensore centrali della serie cadetta negli ultimi diciotto mesi a Pescara, l’ex canterano ha vissuto un’estate movimentata: prima il riscatto definitivo dell’Inter dal club abruzzese e, successivamente, il trasferimento in prestito secco al Sassuolo. Ieri, poi, l’Ascoli: la scelta ce la spiega l’agente Oscar Damiani, in esclusiva per FcInterNews.it.

Quali sono state le ragioni del passaggio di Gravillon all’Ascoli?

“Al Sassuolo c’era molta concorrenza: negli ultimi giorni di mercato il club neroverde ha operato in entrata anche nel reparto difensivo. Il giocatore, dunque, ha visto che c’era poco spazio ed ha fatto questa scelta, avallata da noi e dall’Inter”.

Così il prestito nelle Marche nell’ultimo giorno di mercato.

“Sì, il giocatore ha preferito fare un passo indietro, con l’obiettivo di giocare da titolare a soli 21 anni in serie B, per continuare il suo percorso di crescita: per un ragazzo giovane meglio fare un altro anno da titolare in B che la riserva in A”.

Lo volevano altre squadre?

“C’erano dei club esteri interessati, soprattutto dalla A francese, ma abbiamo preferito continuare l’esperienza in Italia”.

Sezione: Esclusive / Data: Mar 3 Settembre 2019 alle 12:24
Autore: Giuseppe Granieri
Vedi letture
Print