Un poker di bomber per l'eventuale post Lautaro Martinez. L’Inter si cautela dinanzi alla possibile partenza del Toro (il Barça non molla e prepara una nuova offerta per strappare il via libera nerazzurro) e inizia a studiare per scegliere l’eventuale successore. Quattro le piste seguite con grande attenzione e su cui stanno ragionando i dirigenti nerazzurri. Eccole di seguito in rigoroso ordine alfabetico.

PIERRE-EMERICK AUBAMEYANG - L’attaccante dell’Arsenal piace da tempo, il mancato rinnovo con i Gunners ha fatto scendere il prezzo da 60 a 40 milioni di euro. Il momento può essere quello giusto, anche se il suo ingaggio (12 milioni di euro a stagione) resta elevato. L’Inter lo segue e ha già parlato con l’entourage dell’ex Dortmund per ragionare su un accordo triennale. Sullo sfondo ci sono pure Psg, Real Madrid e Barcellona che hanno sondato il terreno. La concorrenza non manca, ma il gabonese da anni sogna di tornare in Italia per imporsi in quel campionato che lo scartò da ragazzino, quando militava nel Milan. Tanto da essere ceduto al Saint-Etienne per appena 1 milione di euro. L’Inter potrebbe essere la soluzione perfetta in tal senso per placare la sua sete di rivincita.

SERGIO AGUERO - Chi meglio dell’originale per rimpiazzare Lautaro? D’altornde se Martinez viene ritenuto dalla critica il nuovo Aguero perché non puntare su El Kun? L’idea stuzzica dalle parti di viale della Liberazione. Lo stesso Antonio Conte voleva l’argentino - così come Aubameyang - già ai tempi della Juventus. Il contratto in scadenza nel 2021 può permettere di trattare con il Manchester City a cifre normali. L’incognita resta lo stipendio (13 milioni netti più bonus che fanno scollinare i 15), ma i nerazzurri potrebbero provare a mettere sul piatto almeno un triennale alla Lukaku-Eriksen (9-10 milioni). E chissà che giocare nel campionato dove l'ex suocero Diego Armando Maradona ha fatto la storia non possa stuzzicarlo alla luce dell’esclusione dalle coppe del suo City...

MOUSSA DEMBELE - Giovane e di talento. Un profilo che piace come target per il presente e anche per il futuro è quello del 24enne di Pontoise, pronto al salto di qualità dopo le ottime annate in Ligue1 col Lione. Il prossimo anno il club di Aulas sarà fuori dalle coppe. Un motivo in più per spingere per la cessione dopo il no del patron francese al Chelsea lo scorso gennaio. L’Inter tiene d’occhio la situazione e resta vigile. Per parametri economici è il più abbordabile a livello di ingaggio (guadagna 2,5 milioni più bonus) e può rappresentare un investimento patrimoniale per il club nerazzurro.

TIMO WERNER - Come Dembele l’età lo rende appetibile per aprire un ciclo. Da battere c’è però la fortissima concorrenza del Liverpool, che resta in pole position. I Reds sono pronti a pagare la clausola rescissoria (50 milioni se il Lipsia non vincerà la Bundesliga) e mettono sul tavolo dell'attaccante tedesco un quinquennale da 10 milioni di euro netti a stagione. Oltretutto la presenza in panchina del connazionale Jurgen Klopp attira il centravanti griffato Redbull. Un avversario davvero temibile e complicato da battere per i nerazzurri, che comunque restano attenti e interessati alla vicenda.

Sezione: Esclusive / Data: Mer 20 maggio 2020 alle 15:40
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print