Antonio Conte ha in testa un solo nome per l'attacco: Romelu Lukaku. Da settimane ne ha parlato a Beppe Marotta: è il belga il centravanti ideale per la sua Inter. Uno dei quei calciatori con cui fare la guerra in campo a tutti gli avversari. A partire dalla Juve che qualche anno fa ha sedotto e abbandonato il centravanti classe 1993. Insomma, l'uomo giusto per infiammare la Milano nerazzurra e dichiarare guerra, sportivamente parlando, ai rivali bianconeri.

APERTURA - Le parole al miele rilasciate a Sport Mediaset, cui seguiranno altre interviste nelle prossime ore, segnano una apertura netta da parte del panzer di proprietà del Manchester United. Parole chiare e avallate dal suo agente Federico Pastorello, che da marzo lavora al suo sbarco in Italia. Con il pieno gradimento del ragazzo per l'Italia, dove gioca il fratello Jordan alla Lazio e l'amico Armenteros (Benevento). Una pista che sta prendendo consistenza sempre di più, nonostante lo United non voglia far sconti: servono 70 milioni di euro per portare via Lukaku da Old Trafford. Niente sconti e scambi: i Red Devils, infatti, hanno declinato la proposta di 30 milioni più il cartellino di Ivan Perisic. Per Romelu a Milano sarebbe pronto in quinquennale da 7,5 milioni netti a stagione più diversi bonus. Con lo United pronto a consolarsi con Haller (Eintracht Francoforte).

ICARDI - I destini di Lukaku si incrociano con quelli di Mauro Icardi e...Paulo Dybala. La cessione dell'argentino libererà il posto, nonché la maglia numero nove per il belga: il problema è che al momento per finanziare l'acquisto di Romelu servirebbe una offerta economica improntate. Per Icardi, invece, la Juve offre solo scambi. In questo caso la soluzione più gradita risponderebbe al nome di Paulo Dybala. Uno scambio tutto da impostare e definire eventualmente, anche se nella testa di Conte la preferenza va per il gigante d'ebano della nazionale belga. 

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - TUTTI PAZZI PER LUCIEN AGOUME', E' LUI IL NUOVO POGBA?

Sezione: Esclusive / Data: Mer 12 Giugno 2019 alle 21:48
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print