Ormai sembra davvero fumata bianca. A meno di clamorosi colpi di scena Christian Eriksen sarà un nuovo giocatore dell’Inter. Che sia così o meno fa ovviamente tutta la differenza del mondo. Però quel che mi preme inizialmente sottolineare è il target di giocatori seguiti dal post Triplete sino all’avvento di Suning.

Nessuno me ne voglia, ma non credo di mancare di rispetto a nessuno quando affermo che molti atleti che hanno indossato la maglia della Beneamata nelle suddette stagioni non è che fossero proprio da Inter, anzi. Si sono visti un bel po’ di atleti che di top team a livello mondiale al massimo avevano… non so… nulla.

E allora ecco che oggi assistiamo ad un work in progress che sta rimettendo a posto le cose. Ovvio che non si possa fare tutto in due secondi. Intanto in panchina si è preso un mister di caratura mondiale. In attacco si è puntato sul massimo goleador della storia del Belgio - al quale ok, mancavano poche reti prima della firma con i nerazzurri per centrare questo record, ma la sostanza non cambia – e si trattano finalmente giocatori davvero di prima fascia. Non scarti o possibili buoni tesserati. No, campioni.

Quindi in ogni caso congratulazioni a Suning. Non vedere la crescita esponenziale dei nerazzurri sarebbe da orbi. Marotta ha detto che l’Inter non deve fare da comparsa nella lotta Scudetto. E ha ragione. Ma che non sia un’ossessione, ma uno splendido sogno.

È oggettivo che gli avversari siano strafavoriti, ma il compito dei nerazzurri è quello di provare a non avere rimpianti. E per me già è un grande upgrade, dato che a inizio stagione credevo che l’Inter dovesse puntare ad arrivare in carrozza, quindi senza problemi in Champions League.

Cambiamo discorso e tocchiamo un tasto molto doloroso. Ne avevo già parlato la scorsa settimana, ma dato che non ho ottenuto risposta e pare che tutti se ne siano dimenticati, chiedo ancora in via ufficiale, in nome del calcio italiano, le prove inconfutabili che Lukaku abbia segnato in fuorigioco contro il Cagliari. Visto che dopo Inter-Atalanta tutto hanno parlato per una settimana di un errore da parte dell’arbitro (per una valutazione soggettiva, come tanto per dire potrebbe essere il mancato rosso a Donati in Lecce-Inter o il gol non convalidato sempre al belga nella partita contro del Via del Mare) io vorrei capire perché i miei occhi, come quelli di miliardi di persone in tutto il mondo, hanno visto il VAR sbagliare una valutazione oggettiva come quella di un off-side. Proiezioni? Ok, nessuna polemica allora. Ma mostriamo queste immagini. O che Rizzoli esponga la sua versione. Visto che lo ha fatto dopo la gara contro la Dea, è il minimo – anche se già in ritardo – che lo faccia pure adesso.

VIDEO - YOUNG SI PRESENTA CON... BOB MARLEY!

Sezione: Editoriale / Data: Ven 24 Gennaio 2020 alle 00:00
Autore: Simone Togna / Twitter: @SimoneTogna
Vedi letture
Print