Gli Azzurri continuano a vincere e i numeri della gestione Mancini continuano a strabiliare e permettono paragoni storici, quanto mai meritati, con i grandi tecnici del passato. 

Grazie alla vittoria in terra bulgara nelle qualificazioni per il Mondiale di Qatar 2022, il Mancio, con la sua Italia, allunga la striscia di risultati positivi, ora giunta a 24 partite consecutive (19 vittorie e 5 pareggi) e avvicina i numeri di due mostri sacri della panchina degli Azzurri: Marcello Lippi, che alla guida della Nazionale tra il 2004 e il 2006 collezionò 25 gare senza sconfitte, e Vittorio Pozzo, in testa a questa speciale classifica, grazie alle 30 partite da imbattuto giocate dal 1935 al 1939.

Un record tira l'altro e con 67 punti conquistati, Mancini è primo nella classifica dei Ct dopo 29 gare sulla panchina dell’Italia (davanti a Vicini, Sacchi e Pozzo) e, con 20 vittorie in 29 gare, detiene la media più alta di successi davanti a Pozzo e Sacchi.  

Ma non è finita qui: la Nazionale di Mancini segna anche con estrema facilità: 66 le reti realizzate con 28 marcatori diversi (solo 2 Ct, Pozzo con 53 e Prandelli con 29, vantano più giocatori diversi in gol) e Andrea Belotti con 7 reti all’attivo è il calciatore più prolifico sotto la sua gestione.

E anche la fase difensiva è da record: sono solo 14 le reti subite con l’Italia, che non prende gol da 515 minuti e da 5 partite mantiene la porta inviolata, ma soprattutto non subisce reti da 6 trasferte consecutive: un altro record battuto che apparteneva alla Nazionale di Valcareggi, che a cavallo tra il 1972 e il 1974 era riuscita a non incassare gol per 5 trasferte consecutive.

I paragoni con il passato sono sempre rischiosi, ma queste statistiche fanno ben sperare i tifosi della Nazionale, in vista dei futuri impegni degli Azzurri, a cominciare dell'Europeo, per finire con il Mondiale in Qatar a fine 2022.

Alberto Contardo

VIDEO - AMARCORD BOLOGNA-INTER - IL GOL PIU' BELLO AI ROSSOBLU? E' QUESTO

Sezione: Stats / Data: Lun 29 marzo 2021 alle 13:51
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print