Mattia Perin è uno dei simboli della rinascita del Genoa, che sotto la guida di Davide Ballardini ha cominciato una netta risalita in classifica. "Ci siamo parlati, lo ha detto anche Badelj: sapevamo che se avessimo continuato così saremmo retrocessi a febbraio - racconta l'estremo difensore al Secolo XIXI -. Ci siamo trasformati da un gruppo di individualità a squadra. Così si spiega questa classifica che ci permette di andarcela a giocare contro la capolista senza ansia".

Attualmente Perin è il terzo portiere del campionato per numero di clean sheet, sei. "Alcune volte i numeri danno la struttura di quel che fai in campo - dice -. Le prestazioni del portiere sono proporzionate a quelle della squadra. Gran parte del merito va ai compagni, cerco di farmi trovare pronto davanti alle poche occasioni che mi fanno arrivare. Sono numeri che devono essere per noi uno stimolo in più. Quando abbiamo preso gol con il Napoli e si è fermata la striscia di clean sheet eravamo un po' amareggiati, questo fa capire quanto ci teniamo a far bene".

VIDEO - LA CURVA NORD RIACCOGLIE STANKOVIC A MILANO: CORI, FUMOGENI E MEGA STRISCIONE

Sezione: Rassegna / Data: Ven 26 febbraio 2021 alle 10:28
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print