"La Scala del calcio nelle notti di gala mette i brividi. Figuriamoci quando c’è il derby, anche se arriva a settembre e sulle tribune si intravede qualche buco". Lo sottolinea la Gazzetta dello Sport: lo stadio, ieri, è stata cornice degnissima per Milan-Inter, proprio nei giorni in cui si lavora all'abbattimento in funzione del nuovo impianto. "Davanti a 70.440 spettatori (4,9 milioni l’incasso) il nuovo impianto di luci a led di San Siro regala una presentazione pirotecnica (per il Milan che gioca in casa) più un intervallo in stile discoteca. La curva milanista espone un gigantesco Sant’Ambrogio che schiaccia il biscione interista e la scritta «Al diavolo la fede», i nerazzurri rispondono con lo striscione «E mai nessuno ci fermerà» e omaggiano i 50 anni della Curva Nord. Se tutto va come previsto nei piani rossonerazzurri, qui dove si gioca il derby numero 224 potrebbe nel giro di qualche anno arrivare un distretto commerciale con negozi e grattacieli. Poco più in là, nel parcheggio invaso da macchine e pullman dei tifosi, sorgerà lo stadio: una maestosa cattedrale di vetri e luci oppure un’arena con due anelli che si incrociano come i destini delle due società - ricorda la rosea -. Milan e Inter devono ancora decidere come diventerà la loro casa. I progetti in lizza per il nuovo San Siro, firmati dagli studi di architettura Populous e Manica-Cmr, se non ci saranno intoppi saranno svelati interamente entro il prossimo fine settimana".

VIDEO - IL DERBY E' NERAZZURRO, TRAMONTANA IN VISIBILIO

Sezione: Rassegna / Data: Dom 22 Settembre 2019 alle 09:55 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print