Servono i gol di Romelu Lukaku. Il Corriere dello Sport, visto il ko di Sanchez, sottolinea l'importanza capitare del belga per le fortune odierne e future dell'Inter di Conte. "Lukaku è un animale da gol, non a caso è il miglior marcatore della storia del Belgio (51 centri) e in Premier League tra i cannonieri in attività è il quarto di tutti i tempi (alle spalle di Rooney, Aguero e Kane) - ricorda -. Proprio perché ha abituato gli addetti ai lavori a certi numeri e perché su di lui la dirigenza ha investito 65 milioni di euro più altri 10 di bonus, il numero 9 è chiamato ad aumentare il suo rendimento sotto porta. Agli amanti delle statistiche non sarà sfuggito un “particolare” non certo secondario: per trovare nella sua carriera un inizio di campionato meno prolifico bisogna tornare indietro al 2014-15 quando nelle prime 7 giornate aveva firmato 2 reti contro West Bromwich e Crystal Palace. Nel 2015-16 aveva lasciato il segno 4 volte, nel 2016-17 i gol erano stati 5, nel 2017-18 addirittura 7, ma anche in un 2018-19 tutt’altro che memorabile era già a 4. Ma c’è di più: pure nel 2013-14 era partito meglio con 4 centri nonostante il passaggio dal Chelsea all’Everton e appena 5 gare disputate su 7. L’ultimo gol nell’Inter Romelu lo ha firmato nel derby del 21 settembre. Da allora, complice lo stop per infortunio e la sosta, è passato quasi un mese senza esultanze. Troppo tempo per un bomber come lui. Rispetto a due settimane fa, però, adesso l’attaccante di Anversa sta meglio e negli ultimi giorni ha dato discreti segnali in allenamento. Contro il Sassuolo vuole confermare queste indicazioni e poi non fermarsi più. A Reggio potrà contare anche sul fattore... trasferta dove finora ha firmato 2 gol su 3".

Sezione: Rassegna / Data: Dom 20 Ottobre 2019 alle 09:55 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print