HANDANOVIC 7 - Fenomenale in avvio su Maksimovic, attento sull'inzuccata di Mata. Non interviene, ma costringe Molina all'errore dal dischetto rimanendo in piedi fino all'ultimo. Grande protagonista della serata e quinto clean sheet consecutivo..

GODIN 6,5 - Nell'avvio problematico dell'Inter tra tutti i nerazzurri è quello meno intimorito. Affronta il pressing e i duelli con personalità e lucidità, badando al sodo. Sfortunato nell'occasione del rigore.

DE VRIJ 6,5 - Partita ruvida, tanti scontri aerei e avversari che ti mettono le mani addosso. Più della tecnica serve cattiveria, lui mostra di averne a sufficienza.

BASTONI 7 - Decisivo il suo salvataggio su Mata al 18', elegantissimo quando manda in gol con un lancio di 40 metri Lukaku. Parte sempre dal suo piede sinistro l'azione del raddoppio. E se la cava anche in difesa.

D'AMBROSIO 6,5 - Distratto dalla chioma e dalla velocità di Cucurella, fa fatica a entrare in partita e commette anche qualche errore tecnico. Prende confidenza con il trascorrere dei minuti. Sfiora anche il gol in acrobazia, poi propizia la rete del raddoppio. DALL'84' BIRAGHI SV.

GAGLIARDINI 5,5 - In una gara che richiede molta presenza fisica, è forse il centrocampista ideale per affrontarla. Invece a parte qualche spunto interessante, tende a rimanere fuori ritmo e l'eccessiva lentezza lo porta anche a sbagliare tanto.

BROZOVIC 6,5 - Il pressing di Timor lo costringe a qualche tocco di troppo, riesce comunque a liberarsi bene del pallone pur se con poca collaborazione dei compagni. DALL'81' ERIKSEN 6,5 - L'Europa è l'ansia dimensione, gli bastano meno di due minuti per timbrare il cartellino da rapace d'area. Gol pesantissimo.

BARELLA 7 - Tuttocampista, insegue gli avversari nella propria metà campo, si fa trovare in appoggio e quando riesce va in zingarata nella tana del Getafe. Dentro Eriksen, arretra a impostare con inspiegabile lucidità nonostante il chilometraggio. Serve a Lukaku il pallone del 2-0, sprecato.

YOUNG 5,5 - Decisamente assente nel primo tempo, l'Inter non attacca mai sulla sua corsia anche perché l'inglese non detta mai il passaggio. Non che nella ripresa la sua prestazione migliori molto, ma quanto meno è più partecipe.

MARTINEZ 6 - Ingaggia un duello personale con Soria che per due volte nel primo tempo gli strozza l'urlo in gola. Un po' pasticcione, ma va davvero su tutti i palloni come una furia. Poco tutelato da Taylor. DAL 70' SANCHEZ 6 - Utile nel tenere il pallone e far salire i compagni, peccato che mandi fuori un pallonetto abbondantemente nelle sue corde.

LUKAKU 6,5 - Assente ingiustificato per mezz'ora, gli basta un lancio preciso di Bastoni per fare la voce grossa e segnare uno dei suoi gol, tutta potenza e tecnica. Corre e lotta, poi spreca la rete del k.o. in modo goffo. Ma nel complesso è un fattore.

ALL. CONTE 6,5 - La sua squadra soffre e non poco per 25 minuti, circondata da maglie gialle ai limiti della propria area. Con l'aiuto ddi Handanovic e un po' di pazienza, l'Inter poi si scrolla di dosso la tensione e sviluppa la partita che aveva in mente, con lanci lunghi e verticalizzazioni finalizzate all'uno contro uno. Coraggiosa la scelta di mandare in campo Eriksen, infoltendo l'attacco: il danese lo ripaga.


GETAFE: Soria 6,5, Damian Suarez 6, Djene 5, Etxeita 5,5, Olivera 6 (dall'88' Portillo sv), Nyom 5,5 (dal 69' Jason 6), Timor 6,5, Arambarri 5,5 (dall'88' Hugo Duro sv), Cucurella 6,5, Maksimovic 6 (dal 57' Angel), Mata 6 (dal 69' Molina 5). All. Bordalas 6


ARBITRO: TAYLOR 5 - Conferma di essere un arbitro mediocre: ha più di un'occasione per estrarre il cartellino e non legittimare il gioco duro, le spreca malamente. Nega all'Inter una ripartenza interessante perché dimentica la regola del vantaggio. Assegna il rigore ignorando la spinta ai danni di Godin.
ASSISTENTI: Beswick 6 - Nunn 6

Sezione: Pagelle / Data: Mer 05 agosto 2020 alle 22:55
Autore: Fabio Costantino / Twitter: @F79rc
Vedi letture
Print