Dalla rinascita di Milano ai tempi del Covid-19 fino alle milanesi Inter e Milan. Gianmario Verona, dal 2016 rettore dell’Università Bocconi, ne parla con La Gazzetta dello Sport.

Rettore Verona, come vede la Milano di oggi?
"La vedo come una città super dinamica e innovativa come è sempre stata, che ha voglia di lasciarsi alle spalle gli ultimi 11 mesi senza però dimenticarli. In Bocconi abbiamo appena chiuso un sondaggio per il secondo semestre dell’anno accademico: l’85% dei nostri studenti ha voglia di tornare a fare le lezioni in presenza con le misure di distanziamento. È un segnale importante. Milano comunque non ha subìto tanto di più rispetto ad altre città internazionali. È come Berlino, Barcellona, Londra: tutte le metropoli stanno vivendo in una fase di shock, noi a Milano sapremo superarla con grande abilità, con lo spirito ambrosiano».

Quanto può essere importante l’università in questa delicata fase?
"Tanto e non solo la Bocconi. La nostra fortuna e anche la nostra forza è essere a Milano. Una città internazionale, che sa attrarre tanti talenti da sempre. In città ci sono oltre 200mila studenti universitari: il mercato accademico è molto importante, le università sono la porta di ingresso nel mondo del lavoro. Ecco perché farle ripartire al meglio può essere importante per l’industria. I giovani danno energia".

Anche lo sport può dare nuova energia alla città? Milan e Inter prima e seconda in campionato sono davvero così importanti per il rilancio?
"Lo sport ci completa ed è sempre più importante nella nostra vita. Ci è mancato tantissimo durante il lockdown e se guardiamo alla Serie A possiamo dire che rivedere Milan e Inter insieme nella parte apicale della classifica ci dà grande soddisfazione e gioia. Di certo questo non può che essere un elemento di stimolo per la città. Era sicuramente anomalo che ci fosse un periodo così lungo di assenza a fronte dell’ascesa di Milano, sempre più capitale internazionale. Era paradossale, visto il momento storico. Ora si sta tornando al giusto posizionamento, da tifoso dico che questo campionato è strano ma anche molto affascinante. Lo sport resta cruciale per il futuro di Milano: noi avremo uno “sport center” nel nuovo campus e sarà aperto alla città. E anche la costruzione del villaggio olimpico in zona Bocconi sarà importante".

VIDEO - MAICON TORNA AD ALLENARSI IN ITALIA: IL BRASILIANO AL LAVORO CON IL SONA

Sezione: News / Data: Sab 23 gennaio 2021 alle 15:38
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print