Nonostante il successo in Supercoppa Italiana, la Juventus di ieri sera non ha convinto in pieno Mario Sconcerti. "C’è stata una reazione, ha vinto un titolo, ha aggiunto una gloria alle tante, ma non ha risolto il suo problema stagionale, se è o meno una grande squadra - scrive l'editorialista sul Corriere della Sera -. Ronaldo è un suo giocatore ed è la sua differenza, ma per arrivare fino a lui il gioco è un po’ strano, vuoto, ancora incompleto. La partita dice che non c’è un limite emotivo, la squadra va per la sua strada senza turbamenti. Ma ha confini tattici e di gioco che si sovrappongono. Chiesa scompare troppo spesso, la qualità degli altri non sembra mai eccessiva, c’è una aria di letture da buon salotto borghese, non c’è niente che faccia dominio. Comunque ha vinto in un momento difficile e contro una squadra difficile. Vedendo però nella stessa partita il resto del campionato, viene da capire perché Milan e Inter siano così avanti da tanto tempo. Sono più compiute e hanno più possibilità di gioco. In questo inverno del calcio vincere quasi per caso, è la vera bellezza".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - KEVIN ZEFI, UN 15ENNE PRODIGIO NEL MIRINO DELL'INTER

Sezione: News / Data: Gio 21 gennaio 2021 alle 13:30
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print