Qualche minuto dopo la decisione ufficializzata dal Tas sul caso Manchester City, riammesso in Europa dopo aver rischiato di restarne fuori per due stagioni di fila, la Uefa ha reso nota la sua posizione in un comunicato stampa: "Le Uefa - si legge - prende atto della decisione del Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di ridurre la sanzione imposta al Manchester City FC dall'Organo UEFA di Controllo Finanziario dei Club (CFCB) per la presunta violazione delle norme sulle licenze per club e sul fair play finanziario della UEFA. La UEFA osserva che la giuria del TAS ha riscontrato l'insufficienza di prove definitive a conferma di tutte le conclusioni del CFCB in questo caso specifico, e che molte delle presunte violazioni erano prescritte dopo cinque anni come previsto dalle norme UEFA. Negli ultimi anni, il fair play finanziario ha avuto un ruolo importante nel tutelare i club, aiutandoli diventare finanziariamente sostenibili; la UEFA e la ECA rimangono impegnate verso tali principi. La UEFA non rilascerà ulteriori dichiarazioni in merito". 

Sezione: News / Data: Lun 13 luglio 2020 alle 11:09
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print