Poteva dire no a tutti, ma a Bruno Caneo no: lui per Gian Piero Gasperini è un braccio destro prezioso, ed è naturale che il neo tecnico dell'Inter abbia spinto per portarlo con sé anche in nerazzurro. E Gasp, ai microfoni de La Nuova Sardegna, ringrazia il presidente dell'Inter per aver capito le sue necessità: "Bruno per me è indispensabile. Ho convinto il presidente ad ingaggiarlo, sottolineando non solo la bravura in campo, ma anche la straordinaria moralità della persona.

Senza di lui, mi sarei sentito quasi orfano. Moratti ha capito, apprezzato e…ingaggiato Bruno". Che oltretutto all'Inter troverà due vecchi amici, ovvero Alessandro Nista e Daniele Bernazzani, suoi compagni al Pisa negli anni '80.

Sezione: News / Data: Mar 28 giugno 2011 alle 17:12
Autore: Christian Liotta
vedi letture
Print