Le partite a porte chiuse, è cosa nota, permettono di cogliere meglio, e in alcuni casi di enfatizzare, le voci dal campo, di gioia come di rabbia. Non bisogna quindi stupirsi più di tanto se Romelu Lukaku, adirato per un pallone messo male in mezzo dal compagno nei minuti finali del match, si scaglia contro Victor Moses urlandogli un improperio in inglese ma facilmente comprensibile anche a quelli che non masticano molto la lingua di Albione: "F***ing hell!", urla rabbioso l'attaccante belga, colto impietosamente dai microfoni ambientali...

Sezione: Multimedia / Data: Lun 29 giugno 2020 alle 11:29
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print