"Fare l'allenatore è bello. Dopo 22 anni sono tornato in Serbia e al mio club, sto lavorando con passione ed emozione. Siamo cresciuti tantissimo, sono contento perché ho un gruppo splendido e giovane che vuole imparare. Io sono onesto, severo e ci metto tutta la mia energia per dargli una mano". Intercettato da SkySport prima del fischio d'inizio della sfida di Europa League contro il Milan in uno stadio speciale come San Siro, Dejan Stankovic commenta con queste parole la sua nuova avventura da allenatore sulla panchina della Stella Rossa. 

È il momento migliore per affrontare il Milan? Per lei è un derby?
"I grandi club reagiscono nei momenti difficili. Nessuno si aspettava la sconfitta del Milan con lo Spezia, il pari con la Stella Rossa e il brutto derby. Poi i grandi giocatori reagiscono nei momenti più difficili, quindi mi auguro che questa reazione arrivi nella prossima partita". 

Ha rubato qualcosa a Mourinho dopo essere stato suo giocatore? C'è qualche insegnamento o una frase che ha fatto sua e che riporta ai suoi ragazzi?
"Io ho cercato di rubare qualcosina a tutti, perché non si può copiare. Mi son reso conto che non puoi copiare: devi essere originale perché i giocatori devono crederti, non devi essere indeciso. Così ho rubato da José, da Sinisa (Mihajlovic, ndr), da Mancini, da Zaccheroni, da Eriksen e da tanti altri. Ho rubato quello che mi piaceva: cercavo i momenti e le situazioni, come mi sentivo io da giocatore quando mi spiegavano certe cose. E ho rubato da tutti".

Nel post partita, dopo la bruciante eliminazione con doppio pareggio, Deki si è poi lasciato andare anche ad un commento sulla lotta Scudetto in Italia: "Penso che il Milan deve migliorare un po' dopo gli ultimi 20 giorni un po' così. Facendo un commento sul calcio italiano e vedendo come sta andando la squadra di Conte, penso che l'Inter deve tener duro: dipende solo dall'Inter, non dipenderà da nessun altro. Penso che per la rosa e il roster che ha l'Inter in questo momento è favorita per lo Scudetto". 

VIDEO - LA CURVA NORD RIACCOGLIE STANKOVIC A MILANO: CORI, FUMOGENI E MEGA STRISCIONE

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 25 febbraio 2021 alle 20:28
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print