C'era una volta un bambino che sognava di giocare in Champions League con la maglia dell'Inter. Il suo idolo era Diego Milito e lo guardava innamorato con papà Massimo davanti alla tv. Quel bambino col pallone tra i piedi ha talento e attira l'attenzione del club nerazzurro che lo ingaggia. Da Cles a Interello, il passo è breve. Obiettivo: giocare per la sua squadra del cuore. Detto, fatto. Il ragazzino in questione negli anni è diventato uomo, vincendo tutto a livello giovanile da leader delle formazioni nerazzurre in cui militava. Quel bambino oggi ha 21 anni e martedì scorso a Kiev ha debuttato in Champions League con la maglia dell'Inter indosso. Uno dei sogni nel cassetto è diventato realtà. Andrea Pinamonti a settembre è tornato all'Inter dal Genoa in prestito oneroso (8 milioni) con obbligo di riscatto. Per restarci e far parte della rosa della Prima Squadra.

Conte lo apprezza e, complice anche l'assenza di Alexis Sanchez, gli ha già concesso due ingressi a gara in corso. Due subentri preziosi a Kiev e Marassi per far rifiatare un Lautaro Martinez poco brillante. Sabato potrebbe addirittura giocare dal primo minuto contro il Parma proprio in coppia con l'argentino, per permettere a Romelu Lukaku di riposarsi in questo periodo pieno di impegni. Un turno di pausa in vista del Real Madrid e la grande occasione per Andrea. A San Siro, lo stadio che sognava fin dai primi calci, anche se senza pubblico non sarebbe la stessa cosa.

Contro quel Parma che da anni lo corteggia: nel gennaio 2019 l'allora diesse gialloblù Daniele Faggiano offre 8 milioni per acquistarlo a titolo definitivo (Suning avrebbe avuto la recompra a 10 milioni), ma l'Inter dice no. Il resto è storia di inizio ottobre con i ducali che dialogano con l'Inter in merito al possibile scambio con Gervinho. Niente da fare: Andrea continua il suo sogno ad occhi aperti. Aspettando il debutto da titolare che potrebbe arrivare a breve. Cercando il primo gol ufficiale tra i grandi dopo aver segnato a raffica dagli esordienti alla Primavera, in ogni categoria giovanile. Il bambino è cresciuto e l'Inter conta di gustarsi l'ennesima esplosione di un suo canterano. Tanto da averlo blindato, dopo una serrata trattativa con l'agente Mino Raiola, con un rinnovo quadriennale da 2 milioni a stagione. Inter-Parma può avere un sapore speciale per l'Arciere di Cles.

VIDEO - ACCADDE OGGI - 29/10/2009: PAZZA INTER, DAL 4-0 AL 4-3 COL PALERMO. MA MILITO C'E' SEMPRE

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 29 ottobre 2020 alle 15:10
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print