A partire da domani, su Dazn sarà disponibile un'intervista doppia alla coppia d'oro dell'attacco dell'Inter Campione d'Italia, quella composta da Romelu Lukaku e Lautaro Maritnez. Nelle anticipazioni, l'attaccante belga ripecorre il cammino verso il tricolore individuando il giorno in cui, a suo dire, iniziò tutto: "La partita dove abbiamo iniziato il percorso verso lo scudetto è stata quella contro il Sassuolo. Lì abbiamo cambiato il modo di giocare e cominciato ad essere più compatti. Giocavano Lauti e Alexis Sanchez, io ero in panchina, ma ho capito subito che la squadra era davvero unita".

Lukaku parla anche della vittoria contro la Juve nella gara d'andata: "Dovevamo ancora giocare contro Milan, Atalanta e Lazio. Rispetto alla scorsa stagione abbiamo vinto molti più scontri diretti: abbiamo dimostrato di essere più forti. Dopo la vittoria contro l'Atalanta mi sono detto: 'Ok, è finita. Ci siamo per lo Scudetto'. Non potevo dirlo, ma l'ho pensato subito". Infine, un aneddoto sul derby di ritorno vinto 3-0: "Nella settimana precedente ci siamo allenati a un livello altissimo. Ho detto a Lautaro: 'Questa partita non la perdiamo mai, è impossibile'. A chi era rivolta la mia esultanza? In settimana avevo parlato con il mister e ci avevamo scherzato su...". 

Big Rom fa capire che la scintilla col compagno di reparto è scoccata immediatamente: "Quando ho visto Lauti per la prima volta c'era anche suo padre. Gli ho detto: 'Tra due anni io e tuo figlio vinceremo qualcosa insieme'. Noi lavoriamo per la squadra. Se mi rendo conto che lui è più caldo, mi metto da parte e lo cerco sempre". Citazione speciale, infine, per Achraf Hakimi: "Ora si è integrato alla grande, è diventato molto importante", e per Nicolò Barella: "È la voce della squadra. Ogni squadra ha bisogno di giocatori pronti ad andare in guerra e noi di giocatori così ne abbiamo tanti".

VIDEO - IL PSG CI PROVA PER UN "BIG" NERAZZURRO: IL PUNTO DALLA REDAZIONE

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 14 maggio 2021 alle 13:15 / Fonte: Corrieredellosport.it
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print