L'appuntamento era fissato il 3 febbraio, ma lo sblocco dei voli dall'Argentina ba permesso al duo Beto Yaque e Rolando Zarate, gli agenti di Lautaro Martinez, di anticipare il viaggio a Milano e presentarsi nella sede dell'Inter in Viale della Liberazione con largo anticipo. Un incontro in cui non si è parlato di cifre e clausole, come ammesso dallo stesso Yaque dopo il summit (LEGGI QUI), ma è stata l'occasione per fare anche un po' di chiarezza sulla situazione in casa nerazzurra, dove potrebbero esserci stravolgimenti societari nel breve periodo. Contesto che ha spinto i due manager a capire, vis-à-vis, se le basi gettate lo scorso settembre erano ancora valide. Volontà di rinnovare confermata da parte della dirigenza nerazzurra, anche se al momento tutti i rinnovi sono bloccati in attesa che si arrivi a una maggiore stabilità dal punto di vista societario. In poche parole, nel dubbio che possa esserci un ribaltone Suning ha messo in standby anche il discorso dei rinnovi, compresi quelli ben avviati. È il caso proprio di Lautaro Martinez, per il quale non ancora un accordo definitivo ma permane la voglia di continuare insieme il percorso, con un giusto riconoscimento economico che l'Inter non vorrebbe superasse i 5 milioni più bonus, mentre sponda Toro le aspettative sono leggermente più alte. Ma in epoca di difficoltà finanziarie, è anche giusto venirsi incontro e non è escluso un nuovo passo da entrambe le parti per arrivare a un accordo definitivo. Intanto, nel summit odierno si è deciso di rinviare di qualche settimana la stretta di mano finale. Dopotutto, vista la situazione non è il momento di forzare la mano.

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - KEVIN ZEFI, UN 15ENNE PRODIGIO NEL MIRINO DELL'INTER

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 20 gennaio 2021 alle 22:21
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print